Ponte del 25 Aprile tra musei e festival. Guida agli eventi da non perdere

Gli eventi da non mancare in Italia durante i giorni della Festa della Liberazione. Tra aperture gratuite ai musei e ai parchi archeologici statali, visite speciali e festival di musica hip hop in montagna

Il 25 aprile 2024, in occasione della Festa della Liberazione giunta al suo 79esimo anniversario, i musei e i parchi archeologici statali saranno aperti gratuitamente, così come proposto dal Ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano: “rinnoviamo l’iniziativa anche quest’anno: il 25 aprile sarà la prima di tre nuove giornate gratuite da me fortemente volute per associare a ricorrenze altamente simboliche per la Nazione la visita nei luoghi della cultura”. Alla #domenicalmuseo (12 giornate l’anno), quindi, anche nel 2024 si aggiungono 3 date a ingresso libero nei luoghi della cultura: 25 aprile, 2 giugno e 4 novembre. Le visite si svolgeranno nei consueti orari di apertura, con accesso su prenotazione dove previsto. Per il ponte del 25 aprile, l’Italia dell’arte ha anche in serbo un ricco programma di iniziative: vediamone una selezione.

1 / 8

Aperture gratuite alle Gallerie d’Italia di Milano, Napoli, Torino e Vicenza

2 / 8

Aperture gratuite a Uffizi, Palazzo Pitti, Giardino di Boboli e Musei del Bargello a Firenze

3 / 8

Il ponte del 25 aprile alla grande mostra di Anselm Kiefer a Palazzo Strozzi a Firenze

4 / 8

Speciali visite guidate al Brescia Photo Festival

5 / 8

Festa della Resistenza con 80 eventi gratuiti a Roma

6 / 8

L’opera d’arte partecipata di Annalisa Cattani e degli studenti di Imola

7 / 8

Un pomeriggio di musica, accoglienza e impegno sociale allo Spazio 211 di Torino

8 / 8

Gli Articolo 31 allo Snowland Livigno Music Festival in Alta Valtellina

Le Gallerie d’Italia di Milano, Napoli, Torino e Vicenza propongono per giovedì 25 aprile un’apertura con ingresso gratuito e saranno regolarmente aperte anche mercoledì 1 maggio. A Milano è possibile immergersi nella collezione permanente, con percorsi che valorizzano opere dell’Ottocento e del Novecento. A Napoli è visitabile la nuova mostra Velázquez. Un segno grandioso. In esposizione due capolavori di Diego Velázquez, l’Immacolata Concezione San Giovanni Evangelista sull’isola di Patmos, provenienti dalla National Gallery di Londra. A Torino è aperta la mostra Cristina Mittermeier. La Grande Saggezza, prima retrospettiva in Europa dedicata alla fotografa biologa marina e attivista, che espone circa 90 fotografie. A Vicenza è possibile scoprire la Caduta degli angeli ribelli, il capolavoro scultoreo del Settecento veneto, valorizzato nell’ambito del suggestivo allestimento “sotto una nuova luce”.

https://gallerieditalia.com/it/

©Cristina Mittermeier, Valle dell’Omo Etiopia 2023
©Cristina Mittermeier, Valle dell’Omo Etiopia 2023

Apertura speciale gratuita anche a UffiziPalazzo Pitti e Giardino di Boboli per il 25 aprile. Tutti gli spazi saranno accessibili nei consueti orari di visita; l’ultimo ingresso è previsto un’ora prima della chiusura. Il Museo Nazionale del Bargello con le sue straordinarie collezioni sarà aperto dalle 8:15 alle 13:50. Il Museo delle Cappelle Medicee, celebre luogo di sepoltura della famiglia granducale fiorentina, sarà visitabile dalle 8:15 alle 18:50. Al Complesso di Orsanmichele, restituito alla fruibilità pubblica all’inizio del 2024 dopo un anno di lavori, si potrà accedere dalle 8:30 del mattino alle 18:30 mentre al Museo di Palazzo Davanzati, testimonianza della vita delle antiche famiglie signorili fiorentine, si potrà entrare dalle 8:15 alle 13:50.

https://www.uffizi.it/

Museo delle Cappelle Medicee. Cappella dei Principi
Museo delle Cappelle Medicee. Cappella dei Principi

Sempre a Firenze, da non perdere, c’è Anselm Kiefer. Angeli caduti, la grande mostra ideata e realizzata insieme a uno dei più importanti artisti tra XX e XXI secolo: un percorso fra lavori storici e nuove produzioni, inclusa una nuova grande opera creata in dialogo con il cortile rinascimentale. A cura di Arturo Galansino, Direttore Generale della Fondazione Palazzo Strozzi, l’esposizione permette di entrare in contatto diretto con il maestro tedesco, celebre per una profonda e stratificata ricerca sui temi della memoria, del mito, della storia, della letteratura e della filosofia.

https://www.palazzostrozzi.org/

Anselm Kiefer
Anselm Kiefer

In occasione delle festività nazionali Fondazione Brescia Musei propone una speciale visita guidata alla scoperta delle tre mostre della VII edizione del Brescia Photo Festival, allestite nel Museo di Santa Giulia. Dopo la visita alla mostra Franco Fontana. Colore, si prosegue con una passeggiata nell’adiacente Maurizio Galimberti. Brescia, Piazza Loggia 1974, per poi concludere con una veloce panoramica all’esposizione Gabriele Micalizzi. Legacy.

https://www.bresciamusei.com

Gabriele Micalizzi, Qamishlo, Siria 21.06.2015, Courtesy Cesura
Gabriele Micalizzi, Qamishlo, Siria 21.06.2015, Courtesy Cesura

A Roma, invece, dal 23 al 25 aprile, sarà ancora Festa della Resistenza. Per il secondo anno consecutivo, Roma Capitale celebra una pagina fondamentale della storia nazionale: la lotta per la liberazione dell’Italia dal nazifascismo. Tre giorni di eventi, a ingresso libero e gratuito, con circa 80 appuntamenti tra lezioni, incontri, spettacoli, concerti, proiezioni e mostre, per ricordare e condividere i valori della Resistenza italiana nei luoghi della città in cui i partigiani hanno combattuto ottant’anni fa. Una “festa della libertà” che vedrà alternarsi – in vari spazi del V e VII Municipio della città, tra i luoghi simbolo della Resistenza romana – gli interventi di storici, studiosi, giornalisti, artisti che racconteranno al pubblico uno dei momenti più alti della storia d’Italia, tappa fondamentale della storia cittadina, nazionale ed europea.

https://culture.roma.it/festadellaresistenza

Resisti Matte'
Resisti Matte’

Nei giorni 24 e il 25 aprile 2024 a Imola, in vari luoghi della città, sarà presentato il progetto artistico di Annalisa Cattani Quando un posto diventa un luogo, che da 10 anni coinvolge gli istituti scolastici cittadini con l’intento di creare momenti artistici partecipativi sulla memoria e la Resistenza. Si tratta di un’opera d’arte partecipata, iniziata nel 2009 in diverse città italiane (Bolzano, Trieste, Cremona, Siena), sviluppatasi nel tempo e nello spazio attorno al concetto di memoria e monumento, un progetto articolato che negli ultimi due anni è divenuto un laboratorio in progress di scambio Europeo tra otto Paesi sull’idea di Arte Pubblica Partecipata e Community based. L’iniziativa ha preso casa a Imola nel 2014 per celebrare il 75esimo anniversario della Liberazione. Questo programma è continuato negli anni con lo scopo di sviluppare consapevolezza dei valori condivisi e affezione al proprio territorio e alla propria identità. Monumenti, targhe, cippi, che sono sempre sotto i nostri occhi, vengono guardati dai ragazzi in maniera diversa e “reinaugurati” ogni anno.

https://www.comune.imola.bo.it/novita/comunicati/2024/04/i-dieci-anni-di-quando-un-posto-diventa-un-luogo-a-imola

Quando un posto diventa un luogo, Imola
Quando un posto diventa un luogo, Imola

Per il 25 aprile non può mancare la musica, soprattutto quella indipendente: OmegaXResistenza celebra la festa della Liberazione e i suoi dieci anni. Una doppia ricorrenza, così come duplice è sempre stato il significato dell’iniziativa organizzata da RadioOhm e sPAZIO211, in collaborazione con ARCI Torino: la formula si ripete immutata anno dopo anno, per un pomeriggio che è insieme lieta celebrazione e felice memoria, un dono rivolto a tutti. OmegaXResistenza nasce nel 2015 per ricordare Gianpaolo “Zampa” Carlino, speaker, direttore artistico e anima rock’n’roll di RadioOhm, che aveva perso la vita in un incidente stradale l’anno precedente proprio nel giorno dell’anniversario della Liberazione.

https://radioohm.it/2024/04/03/omegaxresistenza-2024/

OmegaXResistenza
OmegaXResistenza

Proprio nel giorno della Festa della Liberazione, Snowland Livigno Music Festival è pronto a partire: si terrà, infatti, da giovedì 25 a sabato 27 aprile nella splendida cornice di Livigno (SO). Si tratta di un evento unico in Italia, che unisce le vibrazioni della musica all’energia della montagna. In località Passo Eira, a 2208 m di quota, a bordo delle piste da sci, tra tramonti e panorami mozzafiato, si esibiranno su un unico grande palco alcuni tra i più apprezzati artisti di musica elettronica e hip hop, sia del panorama italiano che internazionale, come Alok, Articolo 31, Edmmaro e Maddix. Il perfetto cocktail tra bellezza del paesaggio alpino, piste innevate, snowpark, shopping e gastronomia.

https://snowland.it/tickets/

Snowland Livigno Music Festival
Snowland Livigno Music Festival
1 / 8

Aperture gratuite alle Gallerie d’Italia di Milano, Napoli, Torino e Vicenza

2 / 8

Aperture gratuite a Uffizi, Palazzo Pitti, Giardino di Boboli e Musei del Bargello a Firenze

3 / 8

Il ponte del 25 aprile alla grande mostra di Anselm Kiefer a Palazzo Strozzi a Firenze

4 / 8

Speciali visite guidate al Brescia Photo Festival

5 / 8

Festa della Resistenza con 80 eventi gratuiti a Roma

6 / 8

L’opera d’arte partecipata di Annalisa Cattani e degli studenti di Imola

7 / 8

Un pomeriggio di musica, accoglienza e impegno sociale allo Spazio 211 di Torino

8 / 8

Gli Articolo 31 allo Snowland Livigno Music Festival in Alta Valtellina

Artribune è anche su Whatsapp. È sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Claudia Giraud

Claudia Giraud

Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate…

Scopri di più