Italiani in trasferta. Un murale di Alice Pasquini su una storia di migrazione tricolore in Australia

La nota street artist romana ha dipinto un murale di 10 metri di lunghezza e sette di altezza sulla parete del Museo Italiano a Melbourne. Dedicato alla storia dell’emigrazione italiana in Australia

Alice Pasquini, il murale di Melbourne
Alice Pasquini, il murale di Melbourne

I suoi murales sono presenti in molte città del pianeta, tra cui New York, Londra, Roma, Singapore e in altre metropoli in Russia, Vietnam, Stati Uniti e Sud America, ma quello appena realizzato a Melbourne è il primo a rappresentare una storia di migrazione italiana. Stiamo parlando della street artist romana Alice Pasquini, nota per le sue opere d’arte urbana presenti non solo sulle superfici dei muri, ma anche nelle gallerie e nei musei di tutto il mondo, che ha appena presenta toun nuovo lavoro, intitolato Per L’Australia / Passenger, sul muro del Museo Italiano di Carlton, il quartiere più tricolore di Melbourne. “Il murale, dedicato alla storia dell’emigrazione italiana in Australia, trae ispirazione dalle opere della collezione del Museo Italiano e dalla documentazione della Italian Historical Society”, racconta l’artista per spiegare l’origine dell’immagine che ritrae una ragazza intenta a guardare l’orizzonte mentre una barca di emigranti italiani salpa verso la loro nuova casa, l’Australia.

LA MEMORIA DEL VIAGGIO
Si tratta di “una rappresentazione del viaggio come apertura-sul-possibile, ma anche come attesa e come sfida a se stessi e alla propria identità. Il viaggiatore, alla conquista della propria crescita, scopre la sua essenza più profonda, attraverso l’ampliamento dei propri confini. L’elaborazione della memoria del viaggio è anche una metafora della formazione, uno strumento per far emergere il senso del viaggio interiore ed esteriore”. Ne è nato un murale imponente, di dieci metri di lunghezza e sette di altezza, che ha richiesto una lavorazione di otto giorni consecutivi e che l’artista ha donato a CO.AS.IT, l’agenzia per il benessere e la formazione della comunità italo-australiana a Victoria, fondata nel 1968, che gestisce l’Italian Historical Society e il Museo Italiano: “quando Pasquini ci ha proposto di realizzare un murale che rappresentasse la storia della migrazione italiana in Australia ci siamo sentiti dei privilegiati“, ha commentato il Ceo di CO.AS.IT Giancarlo Martini Piovano. “Il suo lavoro diventerà un’icona nel centro di Carlton”.

Museo Italiano
199 Faraday Street – Melbourne
www.museoitaliano.com.au

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.