Jean Arp alle Terme di Diocleziano di Roma per i 100 anni di Dada. Foto e video intervista al curatore

A un secolo dalla nascita di una delle avanguardie storiche e a cinquanta dalla morte di uno dei suoi artisti di punta, una grande mostra nella Capitale allestita da Francesco Venezia

Arp in mostra alle Terme di Diocleziano nell'allestimento di Francesco Venezia - foto AChemollo (1) (800x533)
Arp in mostra alle Terme di Diocleziano nell'allestimento di Francesco Venezia - foto AChemollo (1) (800x533)

Anniversario fluido per Dada, che non vede affievolirsi le iniziative che in questo 2016 celebrano un secolo esatto dalla sua nascita, nell’ormai leggendario Cabaret Voltaire di Zurigo. Anzi: con l’avvicinarsi della fine dell’anno invece che scivolare nel dimenticatoio si sparano gli ultimi colpi. E che colpi, in quel di Roma! Sono le Grandi Aule alle Terme di Diocleziano ad accogliere dal 30 settembre la grande retrospettiva che racconta, con ottanta opere, la parabola di Jean Arp, che di quella avventura fu protagonista e di cui ricorre – casualità cronologica – il cinquantesimo anniversario della morte. L’evento, curato da Alberto Fiz, propone stampe e papier collé, tra i media più riconoscibili dell’artista nei suoi primi anni di carriera; ma è nella statuaria che trova, considerata la location, le occasioni di maggiore suggestione.

UN ALLESTIMENTO D’AUTORE
Colpo d’occhio maestoso quello offerto dalle sculture di maggiori dimensioni (superiamo i tre metri di altezza con Berger de Nuages del 1953), come Pépin Géant (1937) in prestito dal Centre Pompidou e Femme paysage (1966). Ma è l’intero percorso espositivo firmato niente meno che dall’architetto Francesco Venezia (già al lavoro sulla grande mostra che palazzo Grassi ha dedicato agli Etruschi nel 2000; ma soprattutto sul museo di Gibellina, nato in reazione al terremoto del Belice) che affascina per il suo coraggio. Perché risolve in modo drastico ogni preteso riferimento al classico nell’opera dell’artista: “l’allestimento appare come isolato e quasi sospeso nello spazio immenso delle due Aule delle Terme” spiega Venezia “metafora dell’ardua individuazione, nell’opera di Jean Arp, di un riflesso dell’antico o di un carattere dell’anima eminentemente storico”. Nessun accostamento forzoso insomma, ma un dialogo che gioca a livello quasi subliminale sul linguaggio immediato del colore: “gli steli penduli che reggono i corpi, illuminanti, le pareti degli espositori, le basi delle sculture intrecciano in prospettiva e con calcolata varietà cinque colori: il nero, il verde, il rosso, il giallo e l’azzurro. Sono colori ricorrenti nell’opera grafica dell’artista”.

CONTEMPORANEO E ARCHEOLOGIA
La mostra di Arp, di cui vi mostriamo in anteprima alcune immagini, conferma la vitalità delle aree archeologiche come spazi per il moderno e il contemporaneo, così come voluto dal progetto organico presentato la scorsa primavera e volto alla costruzione di un cartellone omogeneo di iniziative. Sono le stesse Terme di Diocleziano ad aver accolto ancora recentemente a personale di Henry Moore e prima ancora quella di Rodin, mentre pochi mesi fa le bandiere di Daniel Buren sventolavano sul Palatino, con le sculture di Gustavo Aceves che ancora imperversano al Mercato di Traiano …

30 settembre 2016 – 15 gennaio 2017
Jean Arp
Terme di Diocleziano – Grandi Aule
Roma, piazza della Repubblica
www.archeoroma.beniculturali.it

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.

1 COMMENT

  1. […] Jean Arp (1887-1966) fu tra i fondatori del Dadaismo, un movimento culturale nato nel 1916, quindi nel pieno della Grande Guerra (ma in Svizzera, paese neutrale), il cui scopo principale era quello di distruggere tutte le convenzioni artistiche esaltando la libertà creativa assoluta. La ribellione dei dadaisti andava tuttavia ben oltre la concezione dell’arte, investendo tutta la cultura europea, colpevole di aver fatto sprofondare il mondo nella catastrofe del conflitto. Dopo la guerra, Arp aderì prima al movimento surrealista e poi a quello astrattista. Ma rimase sempre legato ai dettami fondamentali del dadaismo. Artista completo ed instancabile sperimentatore, Arp a partire dagli anni ’30 si dedicò prevalentemente alla scultura. Negli anni ’50 la sua opera cominciò ad ottenere importantissimi riconoscimenti internazionali. Alla base di tutta la sua produzione sta l’esaltazione della casualità contrapposta alla razionalità. Il caso rappresenta per Arp l’essenza non solo della creatività artistica, ma della vita in generale. La mostra merita una visita non solo per le opere di Arp. Particolarmente originale e stimolante è l’allestimento curato dall’architetto Francesco Venezia. Bisogna anche dire che si conferma la validità della scelta culturale di proporre un artista moderno all’interno di un museo archeologico. Alle Terme di Diocleziano fino al 15 gennaio. http://archeoroma.beniculturali.it/mostre/jean-arp  https://it.m.wikipedia.org/wiki/Hans_Arp  https://www.artribune.com/2016/09/jean-arp-terme-diocleziano-roma-dada/ […]

Comments are closed.