Il Direttore di un museo americano vuole comprare un’opera italiana. Ma non può: l’autore è un bambino di 3 anni

A Scicli una mostra accosta i grandi maestri del Novecento italiano ai lavori realizzati da bambini dai 3 ai 7 anni. Ed è successo tale, che pare che siano persino arrivate proposte d’acquisto, proprio per una delle opere realizzate da uno dei piccoli artisti

900 zero 99 alle QUAM di Scicli
900 zero 99 alle QUAM di Scicli

Della mostra alle QUAM (Quadrerie del Monastero) di Scicli, in provincia di Ragusa, vi avevamo parlato – annunciandone l’apertura – come di un progetto che andava oltre il laboratorio didattico, unendo, sul filo di un percorso inedito, la purezza dell’infanzia alla sintesi raggiunta dagli artisti protagonisti del XX secolo, in Italia.
Così, 900 Zero 99 a cura di Antonio Sarnari e Carla Ricevuto, ha ottenuto un successo al di sopra delle previsioni, sfidando con leggerezza l’apparente impenetrabilità dell’arte contemporanea e andando scardinare, con garbo, quel luogo comune – trito, ma persistente – secondo cui alcune opere potrebbe averle create anche un bambino. E, in effetti, semplicemente questo hanno fatto i curatori: hanno accostato ai lavori di grandi maestri – Accardi, Schifano, Kounellis, Afro, Consagra, Angeli, Balla – quelli di Bianca, Diletta, Alex, Emanuele e altri bambini, dai 3 ai 7 anni, selezionati per affinità elettiva o per l’originalità del segno o del colore, per quella che, volendo, potrebbe essere un’intuizione fortuita, ma nel caso dei piccoli “autori” è semplicemente frutto di una sensibilità che ancora non ha vincoli e sovrastrutture ad incanalarla.

Valerio Gaia Rebecca Flavio Emanuele (3-5 anni) Presenze Quam 900Zero99
Valerio Gaia Rebecca Flavio Emanuele (3-5 anni) Presenze Quam 900Zero99

IL MUSEO CHE VUOLE ACQUISTARE L’OPERA DI UN BAMBINO
Così, dicono al Museo “Accade quotidianamente che il lavoro di Ludovica (3 anni) venga scambiato regolarmente per uno Schifano e quello di Marta per Kounellis; o ancora che vengano fatte valutazione milionarie per opere, in realtà, realizzate in un asilo”. Finché, ad un certo punto, pare si sia fatto anche avanti il Direttore di un museo americano, intenzionato a concludere un acquisto, che si è sentito dire che l’opera non era in vendita perché realizzata da un bambino di 3 anni, il quale – ovviamente – non era nella posizione di poter sottoscrivere un contratto. Burla estiva? Realtà che supera l’immaginazione?
Una cosa è certa, in un momento in cui si ragiona sull’impatto delle produzioni culturali sul territorio, l’allestimento orchestrato alla QUAM – visitabile fino a metà settembre – rappresenta per i numerosi turisti dell’isola, in estate, e per gli stessi residenti una piacevole sorpresa: un antico refettorio secentesco aperto fino a tarda sera, con un evento ad ingresso gratuito in grado di intrattenere gli adulti e incuriosire abbastanza i bambini da spingerli a trattenersi ancora un po’, dopo la visita alla mostra, per poter disegnare sulle pareti, nell’apposita area dedicata.

Quam Scicli
via Francesco Mormino Penna 79
orari da martedì a sabato 10.00-13.00 / 17.00-21.00
domenica, festivi e dall’9 al 28 agosto 18.00-23.00
info e appuntamenti allo 0932 931154
[email protected] [email protected]
www.tecnicamista.it www.quamarte.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.

2 COMMENTS

  1. Peccato che non ci sia io tra i bambini avrei venduto tutto anche l’anima …perdere un’occasione del genere!!

Comments are closed.