I 100 volti della musica italiana ritratti da Giovanni Gastel per Rolling Stone. Alla Villa Reale di Monza

Cento protagonisti del nostro mondo musicale ritratti dallo stile inconfondibile ed elegante di Giovanni Gastel. Fotografo di moda e grande appassionato d’arte

Giovanni Gastel, Negroamaro
Giovanni Gastel, Negroamaro

Nei lussuosi appartamenti degli ospiti di Casa Savoia – collocati al Secondo Piano Nobile della Villa Reale di Monza, restituiti all’antico splendore  di fine Ottocento da un lunghissimo restauro conclusosi recentemente – è in corso (per terminare il 25 settembre) la mostra Giovanni Gastel per Rolling Stone. Le 100 facce della musica italiana. Cento protagonisti del nostro mondo musicale, tra cantautori, musicisti, cantanti, ma anche gli autori, come Mogol e i dj, su tutti Claudio Cecchetto, sono stati immortalati da uno dei fotografi italiani più importanti a livello mondiale, invitato dalla rivista Rolling Stone a curare un numero speciale dedicato proprio ai protagonisti della musica italiana.

Giovanni Gastel, Eros Ramazzotti
Giovanni Gastel, Eros Ramazzotti

RACCONTARE L’ANIMA IN UN RITRATTO
Scatti in bianco e nero e a colori, ritratti stretti, sguardi intensi rubati dalla macchina fotografica: nella lunga lista dei personaggi fotografati – uno a uno nel suo studio – non ci sono solo le popstar, il gruppo rock, il rapper, ma anche coloro che lavorano dietro alle scene come i discografici, i promoter, i produttori, i manager e di tutti Gastel ha raccontato l’anima e la personalità. “Le sue fotografie riescono a varcare quell’invisibile linea di confidenza, d’intimità, che appartiene a ognuno di noi” – ha commentato il curatore della mostra Denis Curti – “Oltre quella soglia lo sguardo si fa soggetto. È il punctum di Roland Barthes e allora, non conta più il concetto di verità, le storie si reggono grazie al linguaggio degli affetti di cui Gastel si fa maestro, diretto e sincero”.

DAL RINASCIMENTO ALLA POP ART
Uno stile equilibrato ed elegante che Gastel, fotografo di moda con una lunga carriera iniziata negli anni ’70 nella casa d’aste Christie’s per proseguire con Vogue Italia, Mondo Uomo e Donna, ha introdotto nel suo modo di fare ritratti grazie alla sua passione per l’arte – in particolare quella rinascimentale – e poi la Pop Art, vista in mostra alla Rotonda della Besana sin dai primi anni Settanta, e l’opera fotografica di Irving Penn.

www.villarealedimonza.it/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.