All’asta la collezione privata di David Bowie. Sotheby’s vende 400 opere d’arte e oggetti

Un’asta con la collezione privata di David Bowie. Oltre 400 i pezzi messi in vendita da Sotheby’s a Londra, da Graham Sutherland a Jean-Michel Basquiat, al music player firmato Achille Castiglioni

David Bowie, ritratto da Gavin Evans
David Bowie, ritratto da Gavin Evans

Mentre in Italia ha appena inaugurato la mostra David Bowie Is a Bologna, Sotheby’s annuncia che la collezione d’arte del cantante, icona della contemporaneità scomparso in questo infausto 2016, sarà messa all’asta dal 1 al 10 novembre a Londra. Come riporta il sito Blouinartinfo, un portavoce del Bowie Estate ha commentato che la collezione del musicista è stata composta negli ultimi anni con passione e interesse personale:“Bowie ha sempre incoraggiato prestiti ed ha sempre voluto condividere le sue opere con altri. Anche se la famiglia sta tenendo alcuni pezzi di particolare significato è tempo che anche altri abbiano l’opportunità di apprezzare e di acquisire gli oggetti che egli ha amato.”

Damien Hirst Beautiful, Shattering, Slashing, Violent, Pinky, Hacking, Sphincter Painting, 1995
Damien Hirst Beautiful, Shattering, Slashing, Violent, Pinky, Hacking, Sphincter Painting, 1995

400 I PEZZI ALL’ASTA
Sono ben 400 i pezzi messi all’asta a New Bond Street per Bowie/Collector.
Al centro della vendita un corpus di 200 opere di artisti inglesi come Graham Sutherland, Henry Moore, Damien Hirst, Simon Hucker, Frank Auerbach. Di quest’ultimo i compratori potranno acquistare Head of Gerda Boehm, stimato tra le 300 e le 500.000 sterline, oppure Air Power di Jean Michel Basquiat, tra i 2,5 e i 3,5 milioni di sterline, ma anche il music player firmato da Achille Castiglioni, per la modica cifra di 800-1,200 pound. Non vi piacerebbe ascoltare la musica come la sentiva Bowie?

www.sothebys.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.