Inaugura a Zagarolo Granpalazzo, la (non) fiera internazionale. 27 gallerie a palazzo e performance grandi protagoniste. Tutte le immagini

La grande attesa per la seconda edizione di Granpalazzo è terminata. La non fiera di Zagarolo, a 30 km da Roma, apre le porte al pubblico e agli addetti ai lavori grazie all’impegno di Paola Capata di Monitor, Federica Schiavo dell’omonima galleria, Delfo Durante, manager culturale e Ilaria Gianni, curatrice e codirettrice artistica della Nomas […]

La grande attesa per la seconda edizione di Granpalazzo è terminata. La non fiera di Zagarolo, a 30 km da Roma, apre le porte al pubblico e agli addetti ai lavori grazie all’impegno di Paola Capata di Monitor, Federica Schiavo dell’omonima galleria, Delfo Durante, manager culturale e Ilaria Gianni, curatrice e codirettrice artistica della Nomas Foundation. 27 le gallerie contro le 18 dell’anno precedente e un ricco parterre di occasioni, lontano dalle distrazioni della città. È la riscossa delle gallerie che in barba alla crisi si fanno promotrici di occasioni di rigenerazione collettiva, fuori dai circuiti abituali e “a difesa”, se così si può dire, della categoria, in un contesto affascinante attira-collezionisti, e non solo. E la città di Roma sembra aver premiato gli intenti con una risposta vivace di iniziative a ridosso del week end, un po’ come dire che la Capitale ci crede. 
Ma venendo ai fatti più corposi, quali sono le novità che il quartetto di promotori propone a Palazzo Rospigliosi fino a domenica 29 maggio?

IL PROGRAMMA
Intanto la prima edizione del Premio Claudio, nato dal desiderio di Ettore Alloggia, un imprenditore italiano, anche collezionista, che apre l’iniziativa nel nome del padre Claudio. Volendo dare un supporto concreto al mondo dell’arte, ma anche arricchire la collezione Alloggia, con un corpus di artisti storici e un recente interesse per l’arte di ultima produzione, si avvale di una giuria formata dal collezionista Giorgio Angella, Andrea Baccin e Ilaria Marotta di CURA e Alfredo Pirri, artista, oltre che, naturalmente dallo stesso Ettore.
Le gif animate protagoniste della mostra “Stop and Go” a cura di Valentina Tanni e Saverio Verini presso lo smART – polo per l’arte di Roma si trasferiscono temporaneamente in fiera.
I processi creativi spiegati ai bambini sono invece al centro dell’apparato didattico RiCreaAzione | Piattaforma in progress sulla pratica del pensiero creativo, percorso a cura della sezione Wunderbar/Edu, Il progetto, dedicato ai bambini dai 5 anni in su.

LE PERFORMANCE
Grandi protagoniste sono, infine, le performance a cura di Ilaria Gianni che quest’anno ha coinvolto Rä di Martino (Roma, 1975) con l’azione Il nuotatore,  ispirata al celebre racconto omonimo, scritto nel 1964 da John Cheever, ma anche Reto Pulfer (Berna, 1981), che con Crudofius (eclectic syncretism), trasforma la location nel teatro di una vera e propria cerimonia del the. Gabriele De Santis (Roma, 1983) mette in scena l’iconografia del presente, fatta di marketing e comunicazione digitale con Perché perché, la domenica mi lasci sempre sola; infine Roxane Borujerdi (Parigi 1981) con Quale centro? riporta il Palazzo agli antichi fasti con una sessione di tiro con l’arco. Nell’ambito dei progetti speciali, Nomas Foundation presenta una performance a cura di Raffaella Frascarelli di Luigi Mulas Debois, indagando il rapporto tra oggetto e sua funzione, soprattutto per ciò che concerne la pratica artigianale.
Fa da contraltare l’iniziativa di Fondazione Volume! che presenta un’opera-performance corale diretta da Giuseppe Gallo, intitolata Ho la testa confusissima e rifacendosi al quartiere di Trastevere come luogo metaforico dell’azione. Tutte le immagini da Granpalazzo nella nostra fotogallery.

-Santa Nastro

http://www.granpalazzo.org/

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.