Declan Donnellan e Maguy Marin. Ecco i Leoni d’oro alla carriera della Biennale di Venezia per il Teatro e la Danza

“Per il lavoro di ricerca attraverso il corpo e lo spazio, che di volta in volta è andato a costruire un atlante di scoperte dove il senso dell’arte ha rivelato la complessità dell’uomo contemporaneo, mettendo in relazione i sentieri dell’umano con gli spazi necessari della ricerca coreografica“: con questa motivazione il direttore della Biennale Danza […]

Declan Donnellan (foto John Haynes)

Per il lavoro di ricerca attraverso il corpo e lo spazio, che di volta in volta è andato a costruire un atlante di scoperte dove il senso dell’arte ha rivelato la complessità dell’uomo contemporaneo, mettendo in relazione i sentieri dell’umano con gli spazi necessari della ricerca coreografica“: con questa motivazione il direttore della Biennale Danza Virgilio Sieni ha proposto di assegnare il Leone d’oro alla carriera alla coreografa francese Maguy Marin. Nota soprattutto per il celeberrimo May B, nato su frammenti di testi beckettiani nel 1981 e ancora oggi rappresentato sulle scene di tutto il mondo, Maguy Marin riceve il prestigioso riconoscimento in passato tributato a Merce Cunningham, Carolyn Carlson, Pina Bausch, William Forsythe, Sylvie Guillem e Anne Teresa De Keersmaeker, fra gli altri.
Un percorso più tradizionale è quello di Declan Donnellan, sessantatreenne regista inglese che negli anni ha affrontato i classici della drammaturgia pescando nel ricchissimo teatro elisabettiano, giacobino e della Restaurazione, nel teatro classico tedesco e francese, nel siglo de oro del teatro spagnolo, in quello russo e nella grande letteratura mondiale lavorando, tra gli altri, con la Royal Shakespeare Company ed il National Theatre di Londra. Alex Rigola, direttore della Biennale Teatro, motiva questa scelta: “Per la sua profonda fiducia nel testo. Per la sua capacità di avvicinare i testi classici al pubblico contemporaneo conservando intatta la capacità di lettura. Per aver messo gli attori al centro del suo lavoro riuscendo ad ottenere il meglio da loro. Parlare degli spettacoli di Declan Donnellan è parlare di un immenso lavoro in campo attorale“. Il Leone d’oro alla carriera per il Teatro era stato attribuito, nelle ultime edizioni, a Ferruccio Soleri, Ariane Mnouschkine, Roger Assaf, Irene Papas, Thomas Ostermeier, Luca Ronconi, Romeo Castellucci, Jan Lauwers e, nel 2015, a Christoph Marthaler.

– Michele Pascarella

http://www.labiennale.org/

Maguy Marin (©CavalcaHD2)
Maguy Marin (©CavalcaHD2)

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Michele Pascarella
Dal 1992 si occupa di teatro contemporaneo e tecniche di narrazione sotto la guida di noti maestri ravennati. Dal 2010 è studioso di arti performative, interessandosi in particolare delle rivoluzioni del Novecento e delle contaminazioni fra le diverse pratiche artistiche.