Il surrealismo in formato videogame. “Back to Bed” evoca Escher, Dalì e Magritte in un gioco elettronico dai toni onirici

Le architetture impossibili di Escher, gli orologi squagliati di Dalì, le mele giganti di Magritte. Questi e molti altri sono i riferimenti a tema artistico che popolano il videogioco Back to Bed, recentemente pubblicato dal team di Bedtime Digital Games e disponibile per Windows, Mac, Google Play e Playstation. Erede ideale del già noto Monument […]

Le architetture impossibili di Escher, gli orologi squagliati di Dalì, le mele giganti di Magritte. Questi e molti altri sono i riferimenti a tema artistico che popolano il videogioco Back to Bed, recentemente pubblicato dal team di Bedtime Digital Games e disponibile per Windows, Mac, Google Play e Playstation. Erede ideale del già noto Monument Valley, puzzle game per smartphone e tablet lanciato lo scorso anno dallo studio indipendente Ustwo, Back to Bed invita il giocatore a superare trenta differenti livelli di follia onirica. L’obiettivo? Riaccompagnare il sonnambulo Bob sano e salvo nel suo letto, evitando che cada in burroni o capitomboli nel vuoto durante il percorso. Nato nel 2011 da un progetto studentesco in quel di Aalborg, in Danimarca, il videogioco è poi diventato realtà solo dopo anni di duro lavoro e incessante fundraising (anche grazie a una campagna di successo su Kickstarter).

Valentina Tanni

www.bedtimedigitalgames.dk

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell’arte, curatrice e docente; la sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e tecnologia, con particolare attenzione alle culture del web. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba – Nuova Accademia di Belle Arti di Roma e Milano. Ha pubblicato “Random. Navigando contro mano, alla scoperta dell’arte in rete” (Link editions, 2011) e “Memestetica. Il settembre eterno dell’arte” (Nero, 2020).