Fra un mese la quarta edizione di Live Arts Week. Presentato l’evento multidisciplinare che per sei giorni invaderà Bologna

Il festival invaderà dal 21 al 26 aprile la grande struttura cinquecentesca dell’Ex Ospedale dei Bastardini di Bologna, e si estenderà con un progetto speciale anche nella cornice istituzionale “white cube” del MAMbo e in molti altri punti della città. Parliamo della quarta edizione di Live Arts Week, appena presentato a Milano presso gli spazi […]

Xavier Le Roy, Untitled, Ruhrtriennale

Il festival invaderà dal 21 al 26 aprile la grande struttura cinquecentesca dell’Ex Ospedale dei Bastardini di Bologna, e si estenderà con un progetto speciale anche nella cornice istituzionale “white cube” del MAMbo e in molti altri punti della città. Parliamo della quarta edizione di Live Arts Week, appena presentato a Milano presso gli spazi della Marsèlleria: organizzatore – come nelle precedenti edizioni – l’ente no-profit Xing, che da anni lavora con dedizione e ossessione alla costruzione di piattaforme sperimentali d’incontro tra le arti, mettendo al centro di ogni festival la multidisciplinarietà, i fuori formato e la creazione di dispostivi audiovisivi ed esperienziali che puntualmente cercano di evadere i formati tradizionali tipici dei registri estetici del contemporaneo.
Se, come affermato durante il talk di lunedì 23 marzo dalla critica Angela Vettese, gran parte dell’iperproduzione artistica è sostanzialmente da intendersi come fabbricazione di valuta internazionale, i lavori proposti attraverso il network di Live Arts Week cercano invece di tratteggiare territori inesplorati, geografie forse inesistenti o tracce da riscoprire, come la grande composizione novecentesca di John Cage HPSCHD, che sarà soltanto uno dei tanti eventi nel fittissimo programma scandito da performance, ambienti, concerti live media ed esempi di expanded cinema.

– Riccardo Conti

Live Arts Week IV
Dal 21 al 26 Aprile 2015
Sedi varie – Bologna
http://www.liveartsweek.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Riccardo Conti
Riccardo Conti (Como, 1979; vive a Milano), critico d’arte e pubblicista, si occupa principalmente di cultura visiva e linguaggi come video e moda. Collabora con riviste come Vogue Italia, Domus, Mousse, Vice e i-D Italy, ha curato diverse mostre per gallerie e spazi privati ed è autore di alcuni format televisivi riguardanti arti visive e cultura contemporanea. Ha insegnato presso l’Accademia di Belle Arti di Brera e la facoltà di Architettura del Politecnico di Milano e ha tenuto seminari presso altre università e istituzioni quali NABA, IULM e KHIO di Oslo. Attualmente è docente di Visual Culture presso le sedi IED di Milano e Torino.