Bologna Updates: le nove migliori opere museali esposte tra gli stand. Arte Fiera Museum e la tradizione italiana del Novecento

Non è un segreto per nessuno che in fiera la pittura la faccia da padrona: in particolare, le gallerie che si occupano di “moderno”, cioè di arte del Novecento, principalmente italiana, costituiscono insieme un’offerta davvero eccellente quest’anno, con opere e allestimenti di carattere museale. Mai come quest’anno, infatti, i maestri degli anni Venti e Trenta […]

Non è un segreto per nessuno che in fiera la pittura la faccia da padrona: in particolare, le gallerie che si occupano di “moderno”, cioè di arte del Novecento, principalmente italiana, costituiscono insieme un’offerta davvero eccellente quest’anno, con opere e allestimenti di carattere museale. Mai come quest’anno, infatti, i maestri degli anni Venti e Trenta sono presenti con quadri importanti e prestigiosi. Ecco una selezione, infatti, realizzata anche grazie al contributo e ai suggerimenti di Michele Dantini: dal Pittore di paesaggio (anni Trenta) di Giorgio de Chirico che trovate da Mazzoleni, a fianco di un bellissimo Chevaucher Marine (1929) del fratello Alberto Savinio, a quello che è forse il dipinto più straordinario e inquietante presente ad Artefiera: l’Autoritratto (1924-’25) sempre di de Chirico, da Torbandena. Il pittore pietrificato, con il corpo di statua, guarda con il viso e gli occhi vivacissimi e amarissimi lo spettatore – sullo sfondo, uno sfocato paesaggio apocalittico.
E poi, Le petit dejeuner (1924) e Il pittore (1931) di Mario Tozzi, insieme alle Donne al sole (1931) di Massimo Campigli da Tornabuoni. E poi gli splendidi Sironi esposti dalla Galleria Cinquantasei: dalle Figure con case (1934) alle grafiche ai tardi dipinti ‘informali’ degli anni Cinquanta. Inoltre, il centenario della nascita di Alberto Burri è l’occasione – oltre che per il monumentale omaggio della Fondazione – anche per le gallerie di esporre opere significative di quello che può essere considerato il più grande maestro del secondo dopoguerra italiano, e che illustrano tutta la sua parabola creativa, dai Catrami ai Sacchi, dalle Combustioni ai Cellotex. Ce n’è per tutti i gusti.

Christian Caliandro

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Christian Caliandro
Christian Caliandro (1979), storico dell’arte contemporanea, studioso di storia culturale ed esperto di politiche culturali, insegna storia dell’arte presso l’Accademia di Belle Arti di Foggia. È membro del comitato scientifico di Symbola Fondazione per le Qualità italiane. Ha pubblicato “La trasformazione delle immagini. L’inizio del postmoderno tra arte, cinema e teoria, 1977-’83” (Mondadori Electa 2008), “Italia Reloaded. Ripartire con la cultura” (Il Mulino 2011, con Pier Luigi Sacco) e “Italia Revolution. Rinascere con la cultura” (Bompiani 2013). Cura su “Artribune” le rubriche inpratica e cinema; collabora inoltre regolarmente con “La Gazzetta del Mezzogiorno”, “minimaetmoralia”, “che-Fare”. Ha curato mostre personali e collettive, tra cui: “The Idea of Realism // L’idea del realismo” (2013, con Carl D’Alvia), “Concrete Ghost // Fantasma concreto” (2014), entrambe parte del progetto “Cinque Mostre” presso l’American Academy in Rome; “Amalassunta Collaudi. Dieci artisti e Licini” presso la Galleria d’Arte Contemporanea “Osvaldo Licini” di Ascoli Piceno (2014); “Sironi-Burri: un dialogo italiano (1940-1958)” presso lo spazio CUBO (Centro Unipol Bologna, 2015); “RIFTS_Abate, Angelini, Veres” (Artcore, Bari 2015); “Opera Viva Barriera di Milano” (Torino 2016); “La prima notte di quiete” (i7-ArtVerona, 2016).