Sarà Matera la Capitale Europea della Cultura 2019. Battute nella selezione finale Cagliari, Lecce, Perugia, Ravenna e Siena

L’Italia ha la sua Capitale Europea per il 2019. Sarà Matera la città che rappresenterà il nostro Paese alle soglie del 2020, in condivisione – cosa che spesso si dimentica di sottolineare – con la bulgara Plovdiv. Dopo un’accesa competizione che ha visto prima oltre venti città italiane esprimere la rosa di candidature e poi […]

L’Italia ha la sua Capitale Europea per il 2019. Sarà Matera la città che rappresenterà il nostro Paese alle soglie del 2020, in condivisione – cosa che spesso si dimentica di sottolineare – con la bulgara Plovdiv. Dopo un’accesa competizione che ha visto prima oltre venti città italiane esprimere la rosa di candidature e poi una selezione di sei (Cagliari, PerugiaAssisi, Siena, Ravenna, Lecce), nel “rush” finale la commissione giudicatrice ha premiato il progetto di Paolo Verri – che è anche direttore del Padiglione Italia all’Expo 2015 di Milano – e del capoluogo della Basilicata. Si è trattato di un processo lunghissimo e partecipato che, alla consegna del dossier di candidatura era stato così commentato dal direttore: “questo documento a prescindere da come si concluderà la competizione è un primo frutto non banale di un lavoro collettivo che se perseguito con costanza e razionalità potrà dare risultati straordinari negli anni a venire”.
Grandi sono state l’attesa e l’aspettativa che hanno accompagnato l’ufficializzazione della “nomina”, da una diretta streaming sul sito del Mibact a un maxi schermo nelle piazze delle città candidate. Sette sono stati i voti che Matera ha ottenuto dai 13 giudici della commissione, composta da sei italiani e sette stranieri: il minimo indispensabile, visto che era necessaria la maggioranza semplice, e questo conferma che sì è trattato di una battaglia agguerrita, e conferma anche il valore delle altre candidature. Il verdetto è stato comunicato dal Presidente Steve Green al Ministro per i Beni e le Attività Culturali Dario Franceschini. Un’affermazione, quella di Matera, che racchiude anche interessanti contenuti sul fronte delle arti visive: visto che, com’è noto, il direttore artistico della candidatura è un personaggio come Joseph Grima, ex direttore di Domus. A presto con gli aggiornamenti di Artribune e i commenti dei protagonisti.

– Santa Nastro

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.