Il network creativo bolognese Xing compie undici anni. E festeggia con tre serate fra spettacolo e arte, da Flavio Favelli a Zapruderfilmmakersgroup, a Riccardo Benassi

Con un titolo, Catacomb Bomb, che è allo stesso tempo un’allitterazione, una citazione del lavoro di Claudia Castellucci (che verrà presentato il 3 ottobre) e un rimando ad una storia carsica e sotterranea fatta di “come un groviglio di cunicoli diramati senza un piano preordinato in molteplici direzioni orizzontali e verticali”, Xing riapre la stagione […]

Con un titolo, Catacomb Bomb, che è allo stesso tempo un’allitterazione, una citazione del lavoro di Claudia Castellucci (che verrà presentato il 3 ottobre) e un rimando ad una storia carsica e sotterranea fatta di “come un groviglio di cunicoli diramati senza un piano preordinato in molteplici direzioni orizzontali e verticali”, Xing riapre la stagione a Bolognacon un cast di all star. Da Giampiero Cane a Starfuckers, da Lorenzo Senni a Flavio Favelli, da Zapruderfilmmakersgroup a Riccardo Benassi, la lista dei presenti è un prodotto ibrido, si alternano amici, compagni di viaggio, beneficiari di produzione e sostegno, che in questi anni hanno animato e connotato la scena nazionale con un innegabile fulcro bolognese. Il formato? Una serie di eventi costruiti come calendario serale in tre giornate, da venerdì 3 a domenica 5 ottobre, che dalla sede di RAUM – che festeggia così gli undici anni di attività – si aprono a spazi limitrofi (dalla bottega del restauratore alla pizzeria d’asporto), e altrettante presenze come Cuoghi Corsello, Kinkaleri, ZimmerFrei e Claudio Rocchetti come inattese guest star. Noi anticipiamo alcune immagini…

– Claudio Musso

Info e programma completo: http://www.xing.it/event/358/catacomb_bomb

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudio Musso
Critico d'arte e curatore indipendente, la sua attività di ricerca pone particolare attenzione al rapporto tra arte visiva, linguaggio e comunicazione, all'arte urbana e alle nuove tecnologie nel panorama artistico. Ha conseguito il dottorato di ricerca in Archeologia e Storia dell’arte presso l'Università di Bologna, ateneo dove aveva precedentemente conseguito la laurea triennale e specialistica. Attualmente è docente di Fenomenologia delle arti contemporanee e di Teoria della percezione e psicologia della forma presso l’Accademia G. Carrara di Belle Arti di Bergamo dove ricopre il ruolo di Coordinatore del corso di Pittura, insegna inoltre Linguaggio della visione presso Spazio Labo’ a Bologna. Tra il 2007 e il 2011 ha collaborato con il MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna per la ricerca scientifica e per l'organizzazione di conferenze e incontri. Ha partecipato in qualità di curatore e di membro di giuria a festival internazionali (LPM - Live Performers Meeting, Roma – Minsk; roBOt - Digital Paths into Music and Arts, Bologna) ed è stato invitato come relatore a convegni e conferenze in Italia e all’estero (tra le altre AVANCA | CINEMA International Conference Cinema, Art, Technology - Cineclub Avanca, Portogallo; VIII MAGIS – International Film Studies Spring School - Università di Udine, Gorizia; Artscapes - An Interdisciplinary Conference on Art and Urban Scapes - University of Kent, Canterbury). Dal 2004 al 2011 è stato collaboratore di Exibart.com e Exibart.onpaper, dove dal 2008 dirigeva la rubrica visualia. Prende parte al network Digicult e collabora con il magazine di cultura digitale Digimag. Scrive regolarmente per Artribune. Ha pubblicato numerosi articoli, testi critici e saggi, il più recente si intitola Dalla strada al computer e viceversa (Libri Aparte, Bergamo 2017).