Quando arte e cultura nascono in rete e approdano nel mondo reale. Da Lubiana immagini in anteprima della mostra “Eternal September”

È il primo evento del progetto Masters & Servers. Networked Culture in the Post-Digital Age, messo a punto dal Link Art Center di Brescia con altri quattro partner da altrettanti paesi europei: Aksioma (Slovenia), Drugo more (Croazia), Abandon Normal Devices (Gran Bretagna) e d-i-n-a (Spagna). Una serie di eventi, mostre, pubblicazioni, seminari volti a investigare […]

È il primo evento del progetto Masters & Servers. Networked Culture in the Post-Digital Age, messo a punto dal Link Art Center di Brescia con altri quattro partner da altrettanti paesi europei: Aksioma (Slovenia), Drugo more (Croazia), Abandon Normal Devices (Gran Bretagna) e d-i-n-a (Spagna). Una serie di eventi, mostre, pubblicazioni, seminari volti a investigare – in un arco di ventiquattro mesi – la cultura di rete nell’era post-digitale, grazie al quale i cinque partner sono risultati vincitori del programma Europa Creativa 2014 – 2020.
Si parte dunque con la mostra Eternal September. The Rise of Amateur Culture, che vede la collaborazione diretta di Aksioma – Institute for Contemporary Art e di Link Art Center, nato nel 2011 e da allora attivo in ambito espositivo ed editoriale, a livello nazionale e internazionale, che ne editerà il catalogo. Curata da Valentina Tanni – firma di punta di Artribune, fra l’altro – e allestita presso la Škuc Gallery di Lubiana, in Slovenia, l’esposizione indaga il rapporto tra l’attività artistica professionale e l’emergere dei movimenti culturali amatoriali attraverso Internet. E lo fa attraverso le opere di una quindicina di autori (professionisti e amatori) e una serie di progetti speciali ed eventi collaterali che avranno luogo sia offline che online.
Gli artisti coinvolti? Da Anonymous (The Game Pro) a Tymek Borowski & Pawel Sysiak, Mauro Ceolin, Paolo Cirio, Paul Destieu, Electroboutique, Matthias Fritsch, Colin Guillemet, David Horvitz, Maskull Lasserre, Aled Lewis, Dennis Logan (Spatula007), Valeria Mancinelli & Roberto Fassone, Mark McEvoy, Casey Pugh et al., Steve Roggenbuck, Smetnjak Collective, Helmut Smits, Phil Thompson, Wendy Vainity (madcatlady). La mostra resta visibile fino al prossimo 26 settembre: noi ve ne diamo un’ampia anticipazione nella fotogallery…

Inaugurazione: martedì 2 settembre 2014 – ore 18
Dal 2 al 26 settembre 2014
Galleria Škuc
Stari trg 21, Lubiana
www.aksioma.org/eternal.september

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.