Russia, Turchia e Brasile. Questi le aree su cui scommette il MIPIM 2014, che a Cannes richiama il mondo immobiliare globale: con tante archistar in vetrina

È uno dei principali eventi internazionali dedicati ai professionisti del settore immobiliare, diventato ormai il principale momento di incontro e scambio per creare network a livello globale. Obiettivo principale di MIPIM, giunto a Cannes alla sua 25° edizione, è fornire una piattaforma internazionale ai leader del settore per connettersi tra loro e fare vero e […]

È uno dei principali eventi internazionali dedicati ai professionisti del settore immobiliare, diventato ormai il principale momento di incontro e scambio per creare network a livello globale. Obiettivo principale di MIPIM, giunto a Cannes alla sua 25° edizione, è fornire una piattaforma internazionale ai leader del settore per connettersi tra loro e fare vero e proprio business face-to-face. Attraverso il suo ricco piano espositivo e il vasto programma di conferenze ed eventi, il MIPIM consente ai partecipanti di trovare, ad esempio, nuovi partner, chiudere offerte e scoprire i progetti che approfondiscono le ultime tendenze del mercato. Organizzato da REED MIDEM, società francese specializzata nell’organizzazione di piattaforme professionali, muove – dall’11 al 14 marzo – un numero sempre crescente di figure: 2mila le compagnie coinvolte, 80 paesi ospitati, 20mila partecipanti, 460 giornalisti accreditati, 3mila CEOs e conferenzieri, 4300 investitori.
Dalla sua creazione, il MIPIM ha accompagnato passo passo la crescente internazionalizzazione del settore immobiliare, offrendo oggi una nuova modalità per affrontare le sfide e individuare nuove opportunità, in risposta alla crescente preoccupazione ambientale, alla scarsità di finanziamenti, e al cambiamento delle abitudini dei consumatori. Una quattro giorni intensa per il numero di eventi e conferenze proposti, con highlights dedicati a tre paesi emergenti: si comincia con la Russia, poi con la Turchia e infine col Brasile. Saranno inoltre premiati per il MIPIM AWARD2014 nelle rispettive categorie – Best Futura Projects, Best Innovative Green Building, Best Office&Business Development, Best Refurbished Building, Best Residential Development, Best Shopping Centre, Best Urban Regeneration Project – i progetti finalisti ( 4 per sezione) selezionati da una giuria presieduta da Micheal Strong, Executive Chairman–EMEA, UK.
Altissimo il livello qualitativo delle proposte in gara, più o meno realizzate, che vedono, tra gli altri: BIG con le Hualien Residences in Taiwan, gli AEDAS con vari progetti sparsi in Cina, lo studio WILKINSON EYRE/GRANT Associates a Singapore con gli scenografici ed ecologici giardini botanici Gardens by the Bay, HENNING LARSEN a Oslo, i 3XN a Copenaghen con la sede UN City, RAFAEL VINOLY a Londra per l’immensa riqualificazione del Battersea Power Station, DANIEL LIBESKIND con un complesso mixed-use a Dusseldorf, i Wingårdhs ARKITEKTER con l’ Emporia Shopping Centre a Malmö…

– Giulia Mura

www.mipim.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Mura
Architetto specializzato in museografia ed allestimenti, classe 1983, da anni collabora con il critico Luigi Prestinenza Puglisi presso il laboratorio creativo PresS/Tfactory_AIAC (Associazione Italiana di Architettura e Critica) e la galleria romana Interno14. Assistente universitaria, curatrice e consulente museografica, con una forte propensione all'editoria e allo sviluppo di eventi e progetti culturali, per il magazine PresS/T letter e per il format Archilive ha curato una rubrica sui libri d'architettura. È stata caporedattrice per la rivista araba Compasses e da anni collabora come freelance per testate italiane e straniere; con continuità è presente nella versione online e onpaper di Artribune. È co-founder di Superficial, studio creativo di base a Roma che si occupa di ricerca e sviluppo di progetti incentrati su: comunicazione, immagine, architettura, design, cultura, eventi, branding.