Venezia, l’arte contemporanea raccontata ai bambini, le famiglie, gli studenti. Da Palazzo Grassi a Punta della Dogana, un fitto calendario di incontri e laboratori

Il triangolo virtuoso veneziano targato Pinault, formato dai tre fulcri strategici di Punta della Dogana, del Teatrino e di Palazzo Grassi, continua nel suo lavoro di promozione culturale, offrendo alla città programmi espositivi e di approfondimento. Occasioni preziose per il pubblico generico, per quello di settore e per quello giovanissimo. Riparte così anche quest’anno il […]

Philippe Parreno - foto (c) Claudio Cassano

Il triangolo virtuoso veneziano targato Pinault, formato dai tre fulcri strategici di Punta della Dogana, del Teatrino e di Palazzo Grassi, continua nel suo lavoro di promozione culturale, offrendo alla città programmi espositivi e di approfondimento. Occasioni preziose per il pubblico generico, per quello di settore e per quello giovanissimo. Riparte così anche quest’anno il fortunato ciclo “L’opera parla”, giunto alla sua quinta edizione: ogni mercoledì pomeriggio alle 17, a Punta della Dogana, si tiene un appuntamento organizzato in collaborazione con i tre atenei veneziani (Università Ca’ Foscari, Università Iuav e Accademia di Belle Arti di Venezia), un viaggio a puntate pensato come piattaforma di scambio interdisciplinare tra studenti e i docenti, tra università e città. Si parte mercoledì 15 con Angela Vettese, direttrice del Corso di laurea magistrale in Arti Visive allo IUAV, che esplorerà l’universo de I sistemi dell’arte, per poi proseguire fino al 26 marzo con altri temi ed altri ospiti: da Cornelia Lauf conArte e manualità ad Angela Mengoni con Shoot! Genealogia del colpo di fucile: Burden, Manet, Goya, da Giulio Alessandri con Riproduzione, rappresentazione e copia nell’opera di Stingel,Parreno, Sturtevant e Fischer, a Ivana Padoan con Costruire legami nell’“epoca delle passioni tristi”.
Torna anche il fitto programma didattico di  St_Art Per Tutti, rivolto ai più piccoli e alle famiglie e organizzato negli spazi di Palazzo Grassi. Tre i macrotemi che strutturano il palinsesto, tra gennaio e marzo 2014: Il tappeto volante, viaggio verso nuovi mondi, seduti intorno ad un tappeto magico, partendo alla volta di paesi vicini e lontani a cavallo di fiabe e leggende; Focus on, atelier dedicati agli artisti e le opere della mostra in corso presso Punta della Dogana; Ascoltare con gli occhi – Riunione di famiglia, attività studiate per adulti e piccini, utili a visitare il museo da una prospettiva diversa, affinando i sensi e giocando.
Infine, nel Teatrino di Palazzo Grassi, si tiene per il sesto anno consecutivo il ciclo Art Conversation, incontri con artisti internazionali della collezione Pinault: il primo vede a fianco Philippe Parreno e Carlos Basualdo, alle 18 di giovedì 6 febbraio.

www.palazzograssi.it/

Iscriviti a Incanti. Il settimanale di Artribune sul mercato dell'arte

 
 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critica d’arte, giornalista, editorialista culturale e curatrice. Insegna all’Accademia di Belle Arti di Palermo e di Roma (dove è stata anche responsabile dell’ufficio comunicazione). Collaboratrice da vent’anni anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo, fino al 2010, come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la testata culturale Artribune, dove ancora oggi lavora come editorialista, collaborando col team di direzione e operando come curatrice e project manager nel nuovo comparto aziendale Artribune Produzioni. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica, politica, costume, comunicazione, attualità e linguaggi creativi contemporanei. Presso Riso Museo d’Arte contemporanea della Sicilia è stata curatrice dell’Archivio S.A.C.S (Sportello Artisti Contemporanei Siciliani) e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti, prevalentemente presso spazi pubblici italiani, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali. È stata membro di commissioni e giurie per premi/residenze d’ambito nazionale, riservati ad artisti. Dal 2018 al 2020 ha lavorato come Consulente per la Cultura del Presidente della Regione Siciliana e dell’Assessore dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana.