Una sculturona urbana di Thomas Houseago da 800mila euro per abbellire la stazione di un tram. Succede a Tolosa, ecco le foto

Quella più famosa, intendiamoci, resta la metropolitana di Napoli. Tuttavia non è l’unica, in Europa, ad aver puntato sull’arte contemporanea per abbellire le stazioni e per toglierle da quell’aura di “non luogo” che giocoforza le contraddistingue. Tolosa, ad esempio, ha effettuato lo stesso percorso. E lo ha iniziato ormai oltre vent’anni fa, nel 1993 in […]

Quella più famosa, intendiamoci, resta la metropolitana di Napoli. Tuttavia non è l’unica, in Europa, ad aver puntato sull’arte contemporanea per abbellire le stazioni e per toglierle da quell’aura di “non luogo” che giocoforza le contraddistingue. Tolosa, ad esempio, ha effettuato lo stesso percorso. E lo ha iniziato ormai oltre vent’anni fa, nel 1993 in occasione dell’inaugurazione della linea A della quarta città francese. Qualche nome? Molta Francia e qualche localismo, ovviamente, ma anche nomi internazionali di rilievo: François Morellet, Jean-Michel Othoniel, e poi Giulio Paolini e Felice Varini. Qualche anno più tardi è stata la volta della linea B e l’amministrazione della metropoli occitana ha effettuato la stessa scelta con opere, in questo caso, tra gli altri, di Bernard Venet, Roman Opalka, Ange Leccia e Sophie Calle (naturalmente alla stazione Giovanna d’Arco).
La cosa ancor più originale e interessante è che anche la rete di tram del capoluogo dei Midi-Pyrenées sta beneficiando dello stesso processo di “artistizzazione”: sono già sette le opere installate lungo la rete di superficie, e gli ultimi opening risalgono allo scorso 20 dicembre 2013 quando, in occasione dell’apertura di un nuovo tratto di tramvia del percorso T1, è stata inaugurata una grande scultura urbana in bronzo di Thomas Houseago stimata – viste le quotazioni da capogiro dell’artista britannico classe 1972 ora di stanza a Los Angeles – qualcosa come 800mila euro. E sebbene la Tisséo, la società dei trasporti tolosani, abbia pagato il Cyclope un po’ di meno, si tratta comunque di un investimento notevole e di un processo che ad altre latitudini (quelle italiane, ad esempio) sarebbe reso difficoltoso anche solo per questioni di vandalismo, se non di budget. Strategica anche la posizione: sulle Allée Jules Guesde, proprio di fronte al Teatro Sorano ed al Museo di Storia Naturale, in un’area che sta subendo grandi cambiamenti che vedranno a breve la nascita di una grande cittadella della scienza aperta sia al pubblico che ai ricercatori di tutto il mondo.
Si tratta di rendere l’arte accessibile a tutti quanti”, ha dichiarato l’assessore alla cultura del Comune di Tolosa Vincentella de Comarmond, “noi lo abbiamo fatto mettendo insieme al più bella collezione d’arte pubblica di Francia”.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.