A Roma non ce la fanno a mantenere il Macro e il Palazzo delle Esposizioni, ma pensano ad un nuovo Museo della Fotografia. Presto il cantiere, domani un convegno a La Sapienza

Per carità, un convegno non si nega a nessuno, neppure al progetto più utopistico, ma qui si insiste visto che non è la prima volta che professori, direttori di museo e curatori si riuniscono a consesso per parlare della nascita del Museo della Fotografia di Roma. Un progetto nato qualche anno fa dalla mente dell’allora […]

Il padiglione 9d dell'Ex Mattatoio di Testaccio
Il padiglione 9d dell'Ex Mattatoio di Testaccio

Per carità, un convegno non si nega a nessuno, neppure al progetto più utopistico, ma qui si insiste visto che non è la prima volta che professori, direttori di museo e curatori si riuniscono a consesso per parlare della nascita del Museo della Fotografia di Roma. Un progetto nato qualche anno fa dalla mente dell’allora consigliere comunale (oggi parlamentare) Umberto Marroni, interessato alla fotografia anche per motivi personali e non solo amministrativi. Lo spazio – ne parlammo anche nel 2011 – dovrebbe essere quello di uno dei padiglioni dell’ex Mattatoio di Testaccio, la novità (che giustifica un nuovo convegno a due anni di distanza dal precedente?) è l’aggiudicazione della gara di oltre 3,5 milioni per il restauro dell’immobile. Insomma dovrebbero partire i lavori per realizzare questo museo. O per lo meno per realizzarne la scocca, l’involucro, il contenitore.
Il problema è che i musei, per chiamarsi così, hanno bisogno anche del contenuto. Ovvero di una programmazione (è un problema), di un budget (è un grosso problema), di uno staff (è un problema), di una collezione (è un grossissimo problema) e di una governance (e qui ci si può accordare). Oltre che di una serie di relazioni con gli altri musei parigrado a livello internazionale, relazioni che sembrano non mancare al futuro Museo della Fotografia di Roma che invita alla sua seconda presentazione (presso il Dipartimento di Storia dell’Arte della Facoltà di Lettere e Filosofia) curatori della Maison Européenne de la Photographie di Parigi (macchina da decine di migliaia di pezzi di collezione e diversi milioni l’anno di budget), direttori del Nederlands Fotomuseum di Rotterdam o del Fotomuseum di Winterthur. Manca la bella e nuova Photographer’s Gallery di Londra, anch’essa in vita grazie a oltre dieci milioni di euro di finanziamento annuo.
Pare, insomma, che per fare un nuovo Museo di Fotografia occorra un budget significativo e una grande collezione di fotografia. Due cose che non solo non ci sono attualmente a Roma, ma che non ci saranno mai. E due cose, soprattutto il budget, che mancano anche a livello nazionale se è vero come è vero che il Mufoco (Museo della Fotografia Contemporanea) di Cinisello Balsamo – forte di 2 milioni di immagini, 28 fondi fotografici, 600 autori e 20mila volumi e riviste – si è ridotto a lanciare un appello per la sua stessa sopravvivenza. C’è insomma come al solito un problema di ruoli e di caselle. E di domande che dovrebbero stare a monte della progettualità. La prima domanda: serve un museo della fotografia a Roma? E se serve ed è già in programma da due anni perché, per esempio, le fotografie a Roma continuano ad essere acquisite dal Maxxi che, proprio in questi giorni, inaugura una bella mostra con gli scatti di Gabriele Basilico appena entrati nella sua raccolta? Tutti fanno tutto, insomma, ma nessuno lo fa a livello tale da poter competere globalmente.
Ma potrebbe essere pretattica, da parte dei promotori. Potrebbe essere una strategia ben calibrata: sparare alto con paroloni e progettoni (“Museo”…) per poi ottenere l’apertura un dipartimento fotografia del Macro. Che potrebbe essere anche ragionevole e sensato. Ammesso e  non concesso che alla fine del cantiere da 3,5 milioni il concetto stesso di Macro esista ancora…

– M. T.

Quale museo della fotografia per Roma?
Giovedì 28 novembre 2013 – ore 9
Sapienza, Università di Roma – Facoltà di Lettere e Filosofia
P. le Aldo Moro, 5 – Roma
www.dass.uniroma1.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.