Parte Chaco. La fiera di Santiago del Cile è alla quinta edizione. Un paese in espansione economica, dà spazio al contemporaneo. Ecco come

Trentuno gallerie provenienti da diversi paesi del sud America, con la presenza di alcune gallerie Europee e statunitensi,  soprattutto spagnole. Sono questi i fondamentali della fiera d’arte contemporanea cilena, Chaco, in calendario a Santiago fra il 27 e il 30 settembre. Ad ospitare gli espositori l’affascinante spazio modernista della vecchia stazione Mapocho, situata nelle viscere […]

Chaco 2012, nella vecchia stazione Mapocho

Trentuno gallerie provenienti da diversi paesi del sud America, con la presenza di alcune gallerie Europee e statunitensi,  soprattutto spagnole. Sono questi i fondamentali della fiera d’arte contemporanea cilena, Chaco, in calendario a Santiago fra il 27 e il 30 settembre. Ad ospitare gli espositori l’affascinante spazio modernista della vecchia stazione Mapocho, situata nelle viscere del centro storico della Capitale, città che solitamente predilige i quartieri residenziali e periferici per gli eventi di “èlite”.
Giunta alla sua quinta edizione, la fiera si pone l’obiettivo di creare, in un paese dal PIL in continua crescita, una cultura di collezionismo e un mercato dell’arte competitivo. Il programma prevede dibattiti sul tema del collezionismo, con la presenza di ospiti internazionali come Il curatore francese Vicent Honoré, ed alcuni eventi collaterali in collaborazione con diversi centri culturali e musei della città.

– Mariagrazia Muscatello

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.