589 chilometri, in pochi metri. Alberto Garutti misura la distanza fra Milano e Roma: ecco chiccera all’opening a Edicola Notte

La distanza dal mio studio a Milano alla porta di Edicola Notte a Roma. Ovvero, essendo il titolare del suddetto studio Alberto Garutti, 589 km e 722 metri. E questo è non solo il titolo dell’installazione presentata nel famoso project-space trasteverino dell’artista H.H. Lim: ma è proprio l’installazione stessa. Una matassa senza forma di filo […]

La distanza dal mio studio a Milano alla porta di Edicola Notte a Roma. Ovvero, essendo il titolare del suddetto studio Alberto Garutti, 589 km e 722 metri. E questo è non solo il titolo dell’installazione presentata nel famoso project-space trasteverino dell’artista H.H. Lim: ma è proprio l’installazione stessa. Una matassa senza forma di filo di nylon rosso, di quella misura. Stipata nei pochi metri quadrati dello spazio.
Un sottile gioco fra creatore e committente dell’opera, fra luogo di creazione e luogo di fruizione: sintetizzato in un dato inequivocabile, non soggetto al vaglio critico o interpretativo. Un approccio stimolante, seguito – come sempre – dai tanti accorsi all’opening a vicolo del Cinque, molti anche al classico con convivio al ristorante Ci Lin: chiccera? Cercate nella fotogallery…

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.