Addio a Beppe Devalle. Morto a Milano a settantatre anni l’artista torinese solitario e giramondo, “ingegnere” del collage fotografico

Dopo aver studiato scenografia all’Accademia Albertina di Torino, aveva iniziato la sua carriera di artista dapprima con i pastelli a cera, che lo portano fino alla Biennale di Tokyo, poi con gli acrilici, esposti con Michelangelo Pistoletto alla Galleria Galatea di Torino. Una carriera costellata di successi alternati a momenti di ripiegamento, quella di Beppe Devalle(Torino, 1940 […]

Beppe Devalle - Picasso

Dopo aver studiato scenografia all’Accademia Albertina di Torino, aveva iniziato la sua carriera di artista dapprima con i pastelli a cera, che lo portano fino alla Biennale di Tokyo, poi con gli acrilici, esposti con Michelangelo Pistoletto alla Galleria Galatea di Torino. Una carriera costellata di successi alternati a momenti di ripiegamento, quella di Beppe Devalle(Torino, 1940 – Milano, 2013), morto ieri, 4 febbraio – anche se la notizia è stata data oggi – dopo aver combattuto per più di dieci anni contro una malattia che non lo ha risparmiato.
Sotto l’ala di Ponente e Barilli, con i suoi collages era arrivato anche alla Biennale di Venezia. Dal 1976 venne incaricato dell’insegnamento di Pittura all’Accademia di Brera; dopo la collaborazione come disegnatore al Corriere della Sera, e un volontario esilio dalla scena pubblica, era tornato al disegno, iniziando a riutilizzare i suoi collages come base per grandi dipinti su tela. Purtroppo, dopo essersi trasferito a New York per provare l’avventura americana, la malattia lo aveva costretto a tornare in Italia, dove era riuscito ad esporre i nuovi lavori in due grandi mostre al Serrone di Villa Reale a Monza ed al Museo Diocesano di Milano.
Tanto della sua opera è da riconsiderare: Artribune lo farà presto con un ampio articolo, c’è da sperare che la stessa critica che era entusiasta della recente mostra dei vecchi collages al Museo del 900 di Milano si assuma questa responsabilità.

– Giulio Dalvit

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulio Dalvit
Nato nel 1991 a Milano, ha studiato Lettere e si è laureato in Storia dell’arte moderna alla Statale di Milano. Ha collaborato anche con alcuni artisti alla realizzazione di mostre milanesi tra Palazzo Reale, il Museo del 900 e Palazzo Ducale a Genova. Ha scritto per Flash Art e, ora, Artribune. Sempre in sospeso tra l’antico e il contemporaneo, studia al Courtauld Institute a Londra, dove attualmente vive.