Bologna Updates: il teatro giottesco di Luigi Presicce. Tutti parlano della performance allestita per Art City con Maurizio Vierucci, e noi ve la facciamo vedere…

Chi l’ha vista, passando per la rigidissima suddivisione del pubblico in gruppi da 15 persone, con tanto di lunga lista di prenotazioni, assicura che sia stato uno dei momenti più intensi del weekend bolognese di Artefiera. E chi non l’ha vista di persona, non ne sa nulla, data la altrettanto rigida avversione dei protagonisti a […]

Chi l’ha vista, passando per la rigidissima suddivisione del pubblico in gruppi da 15 persone, con tanto di lunga lista di prenotazioni, assicura che sia stato uno dei momenti più intensi del weekend bolognese di Artefiera. E chi non l’ha vista di persona, non ne sa nulla, data la altrettanto rigida avversione dei protagonisti a consentire foto o riprese video delle sue opere. Parliamo della performance Il giudizio delle ladre, presentata Luigi Presicce e Maurizio Vierucci (Oh Petroleum) – nell’ambito di ART CITY Bologna 2013 – presso l’Istituto A. Fioravanti, di fronte al MAMbo).
Un’opera suddivisa in quattro atti, sviluppata su un impianto iconografico e narrativo che parte dagli affreschi raffiguranti gli ultimi giorni della vita di Cristo, realizzati da Giotto nella Cappella degli Scrovegni a Padova. I quattro episodi? Il bacio di Giuda, Cristo davanti a Caifa, La flagellazione e Pentecoste che, unico evento soprannaturale, veniva presentato in video come ultimo atto. Ora Artribune vi può presentare, in anteprima, le immagini ufficiali autorizzate dagli artisti…

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.