Florens Updates: ma la gente comune partecipa agli eventi? A giudicare da questo video, sicuramente “partecipa” all’installazione di Paladino…

Non è così che si “pesa” la valenza di un’opera, o di un intervento artistico? Probabilmente è vero, o almeno lo è in parte: eppure… Eppure torniamo a parlare dell’installazione di Mimmo Paladino in Piazza Santa Croce, centro focale – per importanza e imponenza – di questa Florens 2012. Perché – ed il video che […]

Non è così che si “pesa” la valenza di un’opera, o di un intervento artistico? Probabilmente è vero, o almeno lo è in parte: eppure… Eppure torniamo a parlare dell’installazione di Mimmo Paladino in Piazza Santa Croce, centro focale – per importanza e imponenza – di questa Florens 2012. Perché – ed il video che vedete qui sotto lo testimonia – l’obbiettivo di “entrare” nella vita della popolazione l’ha raggiunto: gente che la osserva, la disegna, la usa come scena per performance musicali.
Provare a fare il punto sullo stato e sulle possibilità del patrimonio culturale, inteso in tutte le sue accezioni, è insomma l’argomento principe della serie eterogenea di eventi che in questi giorni animano Firenze. Ma se la partecipazione degli esperti e degli addetti ai lavori è evidente, è interessante capire come la gente comune percepisca le problematiche e se una manifestazione di questo tipo rappresenti uno stimolo effettivo. Ancora è prematuro rispondere, ma non si può fare a meno di notare una curiosità e un’aspettativa diffusa tra le persone…

– Matteo Innocenti

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Matteo Innocenti
In linea agli studi universitari in Storia dell'Arte inizia un percorso come critico e curatore. Collabora a vari progetti editoriali, in modo particolare prima ad Exibart e poi ad Artribune. E' direttore artistico di TUM, collettivo di artisti e di altre professionalità legate al mondo dell'arte, finalizzato alla ricerca e alla sperimentazione espressiva. Lavora inoltre come autore e regista per una società di video produzione fiorentina.