Cagliari performativa. Torna Signal, festival internazionale dei live media: sperimentazione, ricerca e improvvisazione. Tra suoni, azioni e immagini

Contaminazioni tra linguaggi creativi, indagando nuove espressività contemporanee in grado d’interpretare la realtà, in un confronto diretto che vede protagoniste arte, musica, danza e teatro. È su questa basi che prende il via a Cagliari la settima edizione di “Signal Performing Art Festival“, quest’anno ospitato negli spazi del Search, sottopiano del Palazzo Civico. In programma […]

Gyohei Zaitsu

Contaminazioni tra linguaggi creativi, indagando nuove espressività contemporanee in grado d’interpretare la realtà, in un confronto diretto che vede protagoniste arte, musica, danza e teatro. È su questa basi che prende il via a Cagliari la settima edizione di “Signal Performing Art Festival“, quest’anno ospitato negli spazi del Search, sottopiano del Palazzo Civico. In programma workshop, performance e spettacoli, accomunati da un unico filo conduttore, ovvero la capacità dell’opera d’arte contemporanea di trasformare la percezione del tempo. Protagoniste le associazioni TiConZero, SpazioDanza e Riverrum Performing Art, che per cinque giorni porteranno in scena azioni di ogni tipo, oltre al laboratorio “Eresia (nera)”, riservato – solo su prenotazione – a 15 artisti di ogni età e provenienza.
Il festival apre i battenti con l’inaugurazione di “Signal Open Art”, mostra di fotografia, scultura e installazioni, che coinvolge 6 artisti: Rebecca Stella, Blux, Claude Gazengel, Fabio Costantino Macis, Manu Invisible, Mauro Melis, Silvia Taddei. A seguire lo spettacolo audio-visual “Passeio no Teio”, la danza butoh del giapponese Gyohei Zaitsu e il collettivo dei musicisti improvvisatori Impro.Sar. Una cinque giorni densa di spettacoli e incontri su live media, arti visive e performative, con uno sguardo trasversale rivolto alla sperimentazione.

– Roberta Vanali

Cagliari, 28 novembre – 2 dicembre 2012
Search, Sottopiano del Palazzo Civico, Largo Carlo Felice n. 2
www.signalfestival.org


Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Roberta Vanali
Critica, curatrice e giornalista d’arte contemporanea. Ha collaborato con le riviste d’arte Ziqqurat, Terzocchio e Grandimostre. 2000/2010 Caporedattrice per la Sardegna della rivista online e cartacea Exibart. Da gennaio a dicembre 2006 direttrice della Galleria Studio 20, via Sulis 20, Cagliari. Da marzo 2011 redattrice per la Sardegna della rivista Artribune. Ideatrice della rubrica di iconografia Icon (on) Graphy per la rivista Artribune. Da aprile 2010 consulente artistica della galleria online Little Room Gallery. Da ottobre 2006 curatrice del blog BlogArte http://robertavanali.blogspot.com/ e della rubrica Interviews. Ha redatto circa 250 articoli e curato oltre 50 mostre in spazi pubblici, privati e musei.