La Giornata del Contemporaneo? A Faenza dura una settimana. Fra Mic e Museo Zauli, fitto programma di inaugurazioni, residenze, conferenze e performance

Ormai il Festival dell’Arte Contemporanea è solo un ricordo, ma Faenza non sta certo a guardare e a leccarsi la ferita ancora aperta. In occasione dell’VIII Giornata del Contemporaneo indetta da AMACI, ora organizza dal 3 al 6 ottobre una sua settimana ricca di appuntamenti legati alla ceramica – ambito nel quale notoriamente la città eccelle – ma non […]

Giulio Squillacciotti. Zimmerreise, frame da film

Ormai il Festival dell’Arte Contemporanea è solo un ricordo, ma Faenza non sta certo a guardare e a leccarsi la ferita ancora aperta. In occasione dell’VIII Giornata del Contemporaneo indetta da AMACI, ora organizza dal 3 al 6 ottobre una sua settimana ricca di appuntamenti legati alla ceramica – ambito nel quale notoriamente la città eccelle – ma non solo. Sono il Museo Internazionale delle Ceramiche e il Museo Carlo Zauli a proporre una serie di inaugurazioni, residenze d’artista, conferenze e performance di respiro internazionale, a partire dalla conferenza con cui l’artista Enrico Vezzi espone al Mic il suo progetto Sharing Utopia. Due le mostre ospitate sempre al Mic, Naturalia e artificialia – a cura di Irene Biolchini, con istallazioni delle artiste Chiara Lecca e Silvia Camporesi – e …L’immaginazione vede, a cura di Marianna Liosi e Alessandra Saviotti, con una programmazione di video e film di Andrea Dojmi, Giulio Squillacciotti, Alexandra Domanovic e la performance sonora di Dominique Vaccaro.
Grandi nomi come Daniel Barroca, Anna Biagetti, Simon Fujiwara, Laure Prouvost e Gillian Wearing animano il progetto Rxy – Coefficiente di Parentela, curato da Anna Babini alla Galleria della Molinella, mentre il 5 ottobre si conclude il programma biennale di Residenze al Museo Zauli, con la presentazione dei lavori di artisti e studenti, come sempre esposti in luoghi inaspettati della città.

Programma dettagliato: www.kartfaenza.it

1 COMMENT

  1. Se ne avete la possibilità visitate nel prossimo mese la mostra diffusa nei luoghi inaspettati del museo Zauli, sono incredibili, si deve prenotare la visita attraverso il museo.

Comments are closed.