Lo Strillone: Risibile rigore scientifico per Raffaello in Cina su Il Fatto Quotidiano. E poi lo Shard di Renzo Piano, Bob Wilson a Torino, il fantasma Antonio Cardillo…

Inaugura giovedì a Londra lo Shard di Renzo Piano, grattacielo green (sarà per questo che somiglia a un cetriolo?!?) letto in anteprima dal Corriere della Sera, che dedica ampio spazio ai ritratti vip di Bob Wilson in mostra a Torino. Cosa non fa un render! Su La Stampa l’avventura pazzesca di Antonio Cardillo, considerato tra […]

Quotidiani
Quotidiani

Inaugura giovedì a Londra lo Shard di Renzo Piano, grattacielo green (sarà per questo che somiglia a un cetriolo?!?) letto in anteprima dal Corriere della Sera, che dedica ampio spazio ai ritratti vip di Bob Wilson in mostra a Torino. Cosa non fa un render! Su La Stampa l’avventura pazzesca di Antonio Cardillo, considerato tra i migliori architetti emergenti, che ha raggirato le riviste di mezzo mondo, proponendo progetti in realtà mai realizzati.

Capitolo appuntamenti estivi: dalla Milanesiana al Festival dei Due Mondi, kermesse d’autore su Il Giornale; un fondo su La Repubblica lancia Popsophia ad Ancona. Lidia ravera guida il reality di scrittura creativa in scena a Ventotene e raccontato su L’Unità.

Una copia in bronzo della Statua della Libertà finisce al d’Orsay e su Quotidiano Nazionale; Fabio Mauri a Palazzo Reale e Aldo Rossi ai magazzini del Sale di Venezia per le recensioni di  Avvenire.

“Risibile rigore scientifico, scarsa tutela delle opere”: così su Il Fatto Quotidiano Tomaso Montanari sgretola la mostra che esporta Raffaello in Cina;  se non fosse per Europa non sapremmo delle devastazioni al patrimonio archeologico di Timbuctu, vittima delle solite barbare guerre ideologiche tra fazioni religiose tra loro avverse.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.