The Blank, diario di un artista in residenza, capitolo III. Arte ed economia: non è roba da ragazzi? Secondo Remco Torenbosch invece sì. E dopo i laboratori, una mostra sul tema

Assumere un ruolo attivo all’interno dell’attuale situazione economica, pensare a modalità diverse per migliorare la vita quotidiana, proporre alternative all’economia dominante per creare nuovo valore. Argomenti che dovrebbero essere all’ordine del giorno per ogni studente. E su cui Remco Torenbosch, protagonista del progetto The Blank Residency, ha lavorato in occasione del seminario Between Act and […]

Assumere un ruolo attivo all’interno dell’attuale situazione economica, pensare a modalità diverse per migliorare la vita quotidiana, proporre alternative all’economia dominante per creare nuovo valore. Argomenti che dovrebbero essere all’ordine del giorno per ogni studente. E su cui Remco Torenbosch, protagonista del progetto The Blank Residency, ha lavorato in occasione del seminario Between Act and Protest: Building The New Economy, rivolto agli studenti dell’Accademia Carrara di Bergamo.
Una cosa è certa: trovare soluzioni per finanziare il sistema scolastico italiano in modo alternativo, o addirittura per ripensare la condizione economica europea, è un’impresa più che ardua. Ma anche – e soprattutto – tra le aule accademiche è necessario confrontarsi con la realtà.
Ad approcciare il tema ci penserà Remco nella prossima personale in programma alla Gamec: si chiamerà Europa e introdurrà una riflessione sulla situazione generale del Vecchio Continente. Frutto della sua residenza “made in italy”, l’opening previsto il 12 giugno si prospetta parecchio interessante. E a metterci più pepe saranno, tra l’altro, le ultime clamorose novità in fatto di leadership politiche: dalle dimissioni del premier olandese alla nuova presidenza francese, fino alla scricchiolio della fortezza Merkel.
Nella prossima puntata cercheremo di saperne di più, parlando ancora di arte ed economia. Stavolta il tema è: quante risorse girano attorno a una residenza d’artista? Per scoprilo, non c’è che da seguirci. Residence updates by Artribune, direttamente da Bergamo.

– Silvia Scaravaggi

www.theblankresidency.it
www.accademiabellearti.bg.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Silvia Scaravaggi
Operatrice culturale e curatrice indipendente. Si è laureata con Sandra Lischi all'Università di Pisa in Teoria e tecniche dei mezzi di comunicazione audiovisiva; ha approfondito lo studio dei nuovi media durante il Socrates all’Universiteit van Amsterdam. Ha collaborato con Aiace Milano alla realizzazione di alcune edizioni di Invideo - mostra internazionale di video e cinema oltre, e di Technè05 - viaggio nel mondo delle videoinstallazioni. Dal 2005 al 2015 ha lavorato al'Assessorato alla Cultura della Provincia di Cremona, principalmente per la realizzazione del Distretto Culturale, con Fondazione Cariplo, collaborando alle fasi di progettazione, gestione e rendicontazione di progetto. È referente dell’Ufficio Attività culturali del Comune di Crema e coordina il progetto #ccsacontemporaneo dedicato agli artisti under35. La sua ricerca si concentra prevalentemente su arte e politica, nuovi media e rapporto tra arte, scienza e nuove tecnologie. Dal 2005 scrive d’arte e firma per Artribune, digicult.it e precedentemente Exibart.