Non c’è pace per le fiere italiane. Dopo le vicissitudini di Arte Fiera e Artissima ora anche MiArt cambia di nuovo. Frank Boehm non sarebbe stato confermato per il 2013

Su una cosa non potrà esservi dubbio: l’anno 2012 sarà senz’altro ricordato come un periodo campale per le fiere d’arte contemporanea nel nostro paese. Non solo per l’inusitata crisi economica che sta bloccando l’Italia e ne sta comprimendo soprattutto i consumi considerati “di lusso” come l’acquisto di opere d’arte, ma anche e soprattutto per quanto […]

Frank Boehm. Secondo accreditate fonti, la sua riconferma a MiArt sarebbe in forte discussione e l'edizione da lui diretta nel 2012 potrebbe essere la prima e l'ultima. Tanto che la fiera starebbe vagliando progetti a

Su una cosa non potrà esservi dubbio: l’anno 2012 sarà senz’altro ricordato come un periodo campale per le fiere d’arte contemporanea nel nostro paese. Non solo per l’inusitata crisi economica che sta bloccando l’Italia e ne sta comprimendo soprattutto i consumi considerati “di lusso” come l’acquisto di opere d’arte, ma anche e soprattutto per quanto riguarda l’assetto organizzativo e gestionale delle principali rassegne del paese. L’anno è partito con Arte Fiera che si è svolta a Bologna con una direttrice, la storica Silvia Evangelisti, in odore di non – rinnovo dopo anni e anni. Così è stato: la principale fiera del paese è ad oggi priva di direzione (e siamo a otto mesi dalla prossima edizione) e entro fine mese si attende la nuova nomina. Poi c’è stata Artissima la quale, obtorto collo, ha dovuto rinunziare alla guida di Francesco Manacorda (allettato da prestigiosi incarichi d’Oltremanica) ed ha affrontato le forche caudine di un discusso concorso per la nuova della nuova direzione, poi finita nelle mani di Sarah Cosulich Canarutto.
L’ultima bomba arriva da Milano dove le fonti che Artribune è stata nelle condizioni di vagliare danno per quasi certo un cambio di direzione. Frank Boehm potrebbe essere sostituito, già nelle prossime settimane, con un altro direttore artistico. Proprio in questi giorni Fiera Milano Spa, proprietaria di MiArt, starebbe vagliando nuovi progetti orientati al sempre più complesso rilancio di una fiera che, pur avendo sede nella città attutt’oggi più centrale per il collezionismo italiano, non riesce a trovare il proprio ruolo. La decisione definitiva? Non oltre la prima decina di giugno.

www.miart.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.