L’avreste mai detto? L’incendiaria protesta antitagli del CAM di Casoria si internazionalizza. Da Stoke-on-Trent il video del rogo solidale e catartico: è la CAM Art War inglese

Che in Inghilterra con i tagli alle sovvenzioni pubbliche per attività e strutture artistico-culturali abbiano a che fare almeno quanto in Italia, era cosa nota e già ampiamente sottolineata, anche da Artribune. Ma chi l’avrebbe detto che di là dalla Manica avrebbero “adottato” la dirompente azione promossa in Campania da Antonio Manfredi, il direttore del […]

Che in Inghilterra con i tagli alle sovvenzioni pubbliche per attività e strutture artistico-culturali abbiano a che fare almeno quanto in Italia, era cosa nota e già ampiamente sottolineata, anche da Artribune. Ma chi l’avrebbe detto che di là dalla Manica avrebbero “adottato” la dirompente azione promossa in Campania da Antonio Manfredi, il direttore del Museo CAM di Casoria, che per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla situazione critica dei musei nostrani, e per sollecitare un confronto con le istituzioni, ha avviato – d’accordo con gli autori – un ciclo di roghi programmati e pubblici delle opere della collezione del museo?

E invece ecco la CAM Art War in UK: c’è il video che vedete a testimoniare la “performance” incendiaria e catartica realizzata da Pete Smith, David Bethell, Behjat Omer Abdulla, Brian Holdcroft, Kate Lynch, Joyce Iwaszko, Glen Stoker, Anna Francis. Sono artisti della Air Space Gallery di Stoke-on-Trent, contea dello Staffordshire, nord-ovest di Londra…

– ha collaborato Ivana Porcini

Ecco perché bruciamo le opere 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.