Cosa significa essere “artista in residenza”? Scopritelo con Artribune, che segue tappa dopo tappa Remco Torenbosch ospite a Bergamo per The Blank Residency

È il primo ospite di The Blank Residency, residenza d’artista promossa a Bergamo dall’associazione The Blank, grazie al supporto della Fondazione Banca Popolare di Bergamo e alla collaborazione con Accademia Carrara e GaMec. Parliamo dell’olandese Remco Torenbosch (1982), l’artista emergente dai giorni scorsi ospite per un trimestre nella casa e nello studio messi a disposizione […]

Da sinistra Stefano Raimondi (curatore GAMeC e fondatore di The Blank), Remco Torenbosch, Giacinto di Pietrantonio (Direttore GAMeC) alla GAMeC di Bergamo

È il primo ospite di The Blank Residency, residenza d’artista promossa a Bergamo dall’associazione The Blank, grazie al supporto della Fondazione Banca Popolare di Bergamo e alla collaborazione con Accademia Carrara e GaMec. Parliamo dell’olandese Remco Torenbosch (1982), l’artista emergente dai giorni scorsi ospite per un trimestre nella casa e nello studio messi a disposizione dall’organizzazione.
Per la peculiarità della sua ricerca concettuale e performativa, attenta agli aspetti socio-politici in relazione all’economia e all’informazione, Torenbosch si presta particolarmente ad interagire con il territorio che lo accoglie. E noi di Artribune staremo con lui per capire se e come una residenza d’artista generi relazioni in cui locale e globale dialogano; scopriremo come si svolge la residenza e come si struttura il progetto artistico che culminerà con la mostra personale alla GaMec, la cui apertura è prevista per il 12 giugno 2012. Se siete curiosi seguiteci, da aprile a giugno seguiremo tappa dopo tappa l’esperienza di per capire cosa significa essere “artista in residenza”…

– Silvia Scaravaggi

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Silvia Scaravaggi
Operatrice culturale e curatrice indipendente. Si è laureata con Sandra Lischi all'Università di Pisa in Teoria e tecniche dei mezzi di comunicazione audiovisiva; ha approfondito lo studio dei nuovi media durante il Socrates all’Universiteit van Amsterdam. Ha collaborato con Aiace Milano alla realizzazione di alcune edizioni di Invideo - mostra internazionale di video e cinema oltre, e di Technè05 - viaggio nel mondo delle videoinstallazioni. Dal 2005 al 2015 ha lavorato al'Assessorato alla Cultura della Provincia di Cremona, principalmente per la realizzazione del Distretto Culturale, con Fondazione Cariplo, collaborando alle fasi di progettazione, gestione e rendicontazione di progetto. È referente dell’Ufficio Attività culturali del Comune di Crema e coordina il progetto #ccsacontemporaneo dedicato agli artisti under35. La sua ricerca si concentra prevalentemente su arte e politica, nuovi media e rapporto tra arte, scienza e nuove tecnologie. Dal 2005 scrive d’arte e firma per Artribune, digicult.it e precedentemente Exibart.