Galleristi in fiera? Roba vecchia. A Parma libero sfogo per artisti e pubblico, che fanno tutto da sé. ArtistiInMostra, quando la fiera diventa autarchica

Un’altra fiera? Una mostra? Un concorso? ArtistInMostra è tutte e tre le cose, ma con una prospettiva differente. Tanti gli artisti ospiti della kermesse, evento d’arte contemporanea che ha inaugurato lo scorso 3 marzo in un nuovo padiglione delle FiereDiParma, in concomitanza con Mercante in fiera Primavera, mostra di modernariato, antichità e collezionismo. Singolare la […]

L'opera di NALI, vincitore del Premio della Critica

Un’altra fiera? Una mostra? Un concorso? ArtistInMostra è tutte e tre le cose, ma con una prospettiva differente. Tanti gli artisti ospiti della kermesse, evento d’arte contemporanea che ha inaugurato lo scorso 3 marzo in un nuovo padiglione delle FiereDiParma, in concomitanza con Mercante in fiera Primavera, mostra di modernariato, antichità e collezionismo.
Singolare la formula, in cui autori e fruitori hanno occasione di incontro e di confronto, senza intermediazioni alcune. Lasciate a margine le gallerie, sono gli artisti stessi a prendere possesso degli stand, illustrando le opere e chiedono di essere votati. Perché in ballo ci sono anche dei premi: i primi riconoscimenti, quelli della critica, sono andati al libanese Nali e a Giuseppe Corbetta; mentre i galleristi in giuria hanno “adottato”, impegnandosi a promuoverli, Andrea Terenziani, Angelo Petrucci e Simone Paglia. Il premio del pubblico arriverà invece per il gran finale, domenica 11 marzo a mezzogiorno.
Tre gli eventi collaterali: in apertura una raffinata personale di Alfonso Borghi e a fianco lo stand dedicato all’Arte aborigena australiana, con i miti del Dreamtime. E infine l’ampia e interessantissima indagine sull’Outsider Art: artisti emarginati, visionari, con disturbi mentali, che qui offrono alcune tra le opere più convincenti. Proposte che conquistano, più della tanta pittura figurativa e di genere, spesso poco attuale.
Ecco una gallery, per sbirciare tra gli stand…

– Marta Santacatterina

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Marta Santacatterina
Giornalista pubblicista e dottore di ricerca in Storia dell'arte – titolo conseguito all'Università degli Studi di Parma con una tesi in Storia dell’arte medievale –, svolge da molti anni la professione di editor freelance per conto di varie case editrici ricoprendo anche, dal 2015 all’inizio del 2018, il ruolo di direttore editoriale del marchio Fermoeditore e della rivista collegata “fermomag”, sulla quale si è dedicata alle rubriche di arte, fotografia e mostre. Scrive per “Artribune” fin dalla nascita della rivista nel 2011, mentre più recenti sono le collaborazioni con il sito “Art&Dossier” – sul quale recensisce progetti allestiti in gallerie private –, con “La casa in ordine”, dove si occupa di designer emergenti e autoprodotti, e con la rivista “Dolcesalato”, su cui propone ai pasticceri suggestioni tratte dall'arte contemporanea. Scrive inoltre testi storico-artistici e sul fumetto per case editrici italiane (Giunti editore, Grafiche Step editrice ecc.) e statunitensi (Fantagraphics Books). Ha partecipato come giurata a concorsi di arte o fotografia e raramente cura delle mostre per artisti che riescono a convincerla grazie alla qualità dei lavori e alla solidità della loro poetica. Per la sede di Parma del Boston College, si occupa inoltre di attività di tutoring sull'arte contemporanea per studenti americani.