David Lynch artista. Aperta a New York una mostra di pittura e scultura presso la Tilton Gallery. Evento che segna il suo ritorno nella Grande Mela

David Lynch non ha certo bisogno di presentazioni. Ma se è universalmente noto e apprezzato in campo cinematografico, meno conosciuta è la sua attività artistica. Il regista americano invece dipinge da sempre, e ben prima di mettersi dietro a una videocamera già frequentava l’Accademia di Belle Arti in quel di Philadelphia. Ha esposto in varie […]

David Lynch – Bobs Second Dream

David Lynch non ha certo bisogno di presentazioni. Ma se è universalmente noto e apprezzato in campo cinematografico, meno conosciuta è la sua attività artistica. Il regista americano invece dipinge da sempre, e ben prima di mettersi dietro a una videocamera già frequentava l’Accademia di Belle Arti in quel di Philadelphia.

Ha esposto in varie occasioni i suoi lavori (la location più importante è stata la parigina Fondation Cartier nel 2007), ma non presentava una mostra a New York dal lontano 1989. Torna oggi nella Grande Mela con una personale alla Tilton Gallery (fino al 14 aprile 2012), che include dipinti, disegni, sculture, oggetti e persino un film, lungo però solo 42 secondi. Lo stile, non c’è quasi bisogno di dirlo, è surreale e drammatico, insomma pienamente “lynchiano”.

– Valentina Tanni

www.jacktiltongallery.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell’arte, curatrice e docente; la sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e tecnologia, con particolare attenzione alle culture del web. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba – Nuova Accademia di Belle Arti di Roma. Ha pubblicato “Random. Navigando contro mano, alla scoperta dell’arte in rete” (Link editions, 2011) e “Memestetica. Il settembre eterno dell’arte” (Nero, 2020). Collabora con la redazione di Artribune dalla sua fondazione.