Bologna Updates: Ontani? Un prodotto da esportazione italiano. Prima della bomba-fondazione, vanno in scena le schermaglie artista-critico

Vi abbiamo già riferito della bomba emersa dall’incontro che ha avuto protagonista Luigi Ontani: la inedita fondazione a lui dedicata, alla quale si starebbe lavorando alla Rocchetta Mattei. Notizia forte, che ha fatto passare in secondo piano il tenore medio della serata, che in molti passaggi si è trasformata in un simpatico botta e risposta fra […]

Vi abbiamo già riferito della bomba emersa dall’incontro che ha avuto protagonista Luigi Ontani: la inedita fondazione a lui dedicata, alla quale si starebbe lavorando alla Rocchetta Mattei. Notizia forte, che ha fatto passare in secondo piano il tenore medio della serata, che in molti passaggi si è trasformata in un simpatico botta e risposta fra l’artista ed il conduttore Renato Barilli.
Ontani non ha perso occasione per ravvivare una serata in qualche momento appesantita da lunghi video e da ampie e a volte superflue contestualizzazioni, arrivando in qualche caso a polemizzare apertamente con siparietti a volte esilaranti. Come quando Barilli ha sottolineato la sua stima per i transavanguardisti, tranne che per Sandro Chia: subito rimbeccato da Ontani, che ha invece tessuto le lodi del toscano, descritto come uno dei migliori pittori italiani. O quando l’artista ha ricordato le polemiche scoppiate a Milano all’indomani dell’esposizione del suo “Grillo Mediolanum”, sottolineando polemicamente che in quell’occasione nessuno dei critici a lui vicini – e quindi neanche l’ineffabile Barilli – prese pubblicamente le sue difese.
Il rassegnato Ontani non ha invece avuto la forza alla fine di ribattere al prode Barilli, che è giunto a definirlo un nostro importante “prodotto da esportazione”…

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.