Per la serie: dischi con copertine d’artista, italian style. Il Teatro degli Orrori si affida a Roberto Coda Zabetta

Quest’anno abbiamo già assistito alla collaborazione tra Damien Hirst ed i Red Hot Chili Peppers (l’inutile album I’m with you), alla copertina di Watch the throne dei signori dell’hip-hop Jay-Z e Kanye West firmata dall’italiano Riccardo Tisci, ed alle visioni di Stanley Donwood per il nuovo album dei Radiohead, solo per citare gli esempi più […]

La cover disegnata da Roberto Coda Zabetta

Quest’anno abbiamo già assistito alla collaborazione tra Damien Hirst ed i Red Hot Chili Peppers (l’inutile album I’m with you), alla copertina di Watch the throne dei signori dell’hip-hop Jay-Z e Kanye West firmata dall’italiano Riccardo Tisci, ed alle visioni di Stanley Donwood per il nuovo album dei Radiohead, solo per citare gli esempi più famosi.
Ora è la volta del Teatro degli Orrori, gruppo nostrano autore di un rock-noise duro e sincero, capeggiato dall’istrionico front-man Pierpaolo Capovilla già a capo di progetti musicali tra cui quello degli One Dimensional Man. Il 31 gennaio 2012 è prevista l’uscita del nuovo disco, intitolato Il mondo nuovo, un concept album diviso in 16 brani ed interamente incentrato sul tema della migrazione dei popoli, e che vede la collaborazione di artisti del calibro di Egle Sommacal (Massimo Volume), Caparezza e Rodrigo D’Erasmo (Afterhours).
La parte interessante è sicuramente la copertina, un’opera inedita dell’artista Roberto Coda Zabetta intitolata Face Cancel. Il solito volto in primo piano giocato sui colori del bianco e nero, le solite pennellate frenetiche ed informali, la solita espressione spaventata.
Sul sito della band si legge anche una considerazione dell’artista, non sappiamo se associata o meno al lavoro in questione, in cui si sottolineano i rapporti tra musica e pittura: “Credo vivamente, che il periodo d’esecuzione di un buon lavoro sia simile ad un tempo musicale. La mia tecnica è velocità e azione. Il risultato finale sono una sequenza di grandi schiaffi che mi consentono di arrivare ad una completa sobrietà tra me e il soggetto che ho dipinto”.

– Alessandro Marzocchi

www.ilteatrodegliorrori.com

Il Teatro degli Orrori

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Alessandro Marzocchi
Alessandro Marzocchi (Milano, 1986) è studente presso l’Università degli Studi di Parma, curatore e speaker radiofonico. Specializzato in arte contemporanea, da anni ha un conto aperto con La Mariée mise à nu par ses célibataires, même. Ha realizzato una serie di saggi sulla figura di Marcel Duchamp, su Jean-Michel Basquiat e sull’architettura giapponese. Ha curato la mostra “Black in White” (Parma 2007), e diverse esposizioni presso la Galleria Il Sipario di Parma, tra cui: “Mario Sironi” (2007), “Mino Maccari – Il difetto dell’intelligenza” (2008), “Corsi a vedere il colore del vento” (2010), “Titina Maselli – Annullare la facilità” (2010), “Omar Galliani 1981-2006...attraverso” (2010) e “Ut Pictura – Mario Schifano e Piero Pizzi Cannella” (2010). Dal 2011 collabora con Artribune.