Daverio, Caroli, Strinati: Repubblica e L’espresso lanciano la nuova collana Il Caffè dell’arte, e arruolano questo gruppo di “nuovi” curatori

Il titolo forse è un po’ sfocato: Il Caffè dell’arte, ma niente a che vedere con i mitici locali che hanno a volte visto passare pezzi di storia dell’arte per le loro sale, dalle Giubbe Rosse al Caffè Greco, al Jamaica. In realtà non si afferra bene dove sia il “caffè”, nel nuovo progetto editoriale […]

Il titolo forse è un po’ sfocato: Il Caffè dell’arte, ma niente a che vedere con i mitici locali che hanno a volte visto passare pezzi di storia dell’arte per le loro sale, dalle Giubbe Rosse al Caffè Greco, al Jamaica. In realtà non si afferra bene dove sia il “caffè”, nel nuovo progetto editoriale di Repubblica e L’Espresso, che presentano una serie di 20 DVD dedicati “alle opere dei grandi maestri che hanno segnato una svolta nella storia dell’arte occidentale”, dal Medioevo al XX secolo.
A raccontare i maestri – da Giotto a Duchamp, da Caravaggio a Picasso – saranno critici, curatori, divulgatori, curatori, sopraintendenti, da Philippe Daverio a Flavio Caroli, da Achille Bonito Oliva a Claudio Strinati. Un revival dei soliti noti (magari anche un po’ noiosetti?), ma questo in Italia è un problema endemico, inutile ormai notarlo. Prima uscita (a 1 euro in più rispetto al giornale, i successivi +7 euro) giovedì 29 dicembre, con Claudio Strinati che racconta Caravaggio. Quello che ci domandiamo è: vendendolo bene, promuovendolo bene e comunicandolo bene, davvero sarebbe premiato da minori vendite un progetto che presenti i grandi maestri dell’arte letti da critici e teorici con un’età inferiore ai sessanta?

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.