Fotografi armati di solo iPhone. E di Instagram, l’applicazione social che fa sembrare tutti un po’ più bravi. Arriva a Londra una mostra in galleria…

Si chiama My World Shared (il mio mondo condiviso) la mostra che aprirà a Londra negli spazi della East Gallery a Brick Lane – a Shoreditch, quartiere ad alto tasso creativo –  il prossimo 22 ottobre. Protagonisti dell’iniziativa, un gruppo di appassionati di Instagram, popolarissima applicazione per iPhone che permette di scattare fotografie, migliorarle velocemente […]

Si chiama My World Shared (il mio mondo condiviso) la mostra che aprirà a Londra negli spazi della East Gallery a Brick Lane – a Shoreditch, quartiere ad alto tasso creativo –  il prossimo 22 ottobre. Protagonisti dell’iniziativa, un gruppo di appassionati di Instagram, popolarissima applicazione per iPhone che permette di scattare fotografie, migliorarle velocemente con l’aiuto di un set di filtri, e condividerle con una cerchia di amici. Un po’ macchina fotografica, quindi, un po’ social network. Ma soprattutto, un mezzo che con estrema semplicità – bastano pochi “tocchi” sullo schermo del telefonino – rende i nostri scatti più affascinanti grazie all’uso di una patina vintage, un filtro seppiato, o un romantico bianco e nero.
Progettata da iGears London, gruppo di appassionati di – indovinate un po’ -“iPhoneography”, la mostra comprenderà numerose fotografie scattate esclusivamente con Instagram: “per catturare sotto forma di immagini la realtà attorno a noi e condividerla con il resto del mondo”.

www.myworldshared.com

– Valentina Tanni

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell’arte, curatrice e docente; la sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e tecnologia, con particolare attenzione alle culture del web. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba – Nuova Accademia di Belle Arti di Roma. Ha pubblicato “Random. Navigando contro mano, alla scoperta dell’arte in rete” (Link editions, 2011) e “Memestetica. Il settembre eterno dell’arte” (Nero, 2020). Collabora con la redazione di Artribune dalla sua fondazione.