Le perle ai porci. A Milano il dito medio di Cattelan scenografia per la protesta di Coldiretti

Cosa ci fa un operatore di borsa in Piazza Affari a Milano, con in braccio un cucciolo di maiale? Trovandosi sotto il dito medio di Maurizio Cattelan si potrebbe pensare ad una nuova provocazione d’artista. Di provocazione si tratta, ma l’arte – questa volta – non c’entra: Coldiretti è sul piede di guerra ed invade […]

Cosa ci fa un operatore di borsa in Piazza Affari a Milano, con in braccio un cucciolo di maiale? Trovandosi sotto il dito medio di Maurizio Cattelan si potrebbe pensare ad una nuova provocazione d’artista. Di provocazione si tratta, ma l’arte – questa volta – non c’entra: Coldiretti è sul piede di guerra ed invade il centro italiano della finanza per protestare contro lo iato tra l’economia reale e quella fatta di speculazioni in borsa: contro i prezzi delle materie prime fatti a tavolino, contro l’assalto al Made in Italy dagli altri paesi. E la piazza si infiamma, al grido di: “le vostre azioni non si mangiano, i nostri salami sì!”.
Certo che però, il broker elegantissimo alla Bret Easton Ellis che liscia il pelo al maialino… non sarà Cattelan, ma potrebbe benissimo esserlo!

– Francesco Sala

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.