Cosa c’è di divertente nel mondo dell’arte? Ve lo racconta “The Madness of Art”, una sitcom online sulle disavventure di un gallerista a New York

L’artista che piomba in galleria e insiste per mostrare (e vendere) i propri lavori; il riccone che deve comprare un regalo di nozze in soli quindici minuti e non ha idea di cosa sia l’arte contemporanea; la giovane assistente che sbaglia a rispondere al telefono e distrugge sculture di Jeff Koons. Sono solo alcuni degli […]

L’artista che piomba in galleria e insiste per mostrare (e vendere) i propri lavori; il riccone che deve comprare un regalo di nozze in soli quindici minuti e non ha idea di cosa sia l’arte contemporanea; la giovane assistente che sbaglia a rispondere al telefono e distrugge sculture di Jeff Koons. Sono solo alcuni degli spunti comici di The Madness of Art, esilarante sitcom ambientata nel mondo dell’arte che viene pubblicata a episodi sul web.
Il protagonista è Jim Kempner, proprietario della Jim Kemper Fine Arts di Chelsea, a New York. Aiutato dallo staff della galleria, Kempner individua e racconta con sorprendente acutezza i vizi, le assurdità e le contraddizioni del mondo dell’arte. E non risparmia nessuno: artisti, galleristi, dealer, collezionisti e visitatori. Guardando gli episodi si ride molto, ma soprattutto non si riesce a fare a meno di immedesimarsi…

– Valentina Tanni

www.themadnessofart.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell’arte, curatrice e docente; la sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e tecnologia, con particolare attenzione alle culture del web. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba – Nuova Accademia di Belle Arti di Roma. Ha pubblicato “Random. Navigando contro mano, alla scoperta dell’arte in rete” (Link editions, 2011) e “Memestetica. Il settembre eterno dell’arte” (Nero, 2020). Collabora con la redazione di Artribune dalla sua fondazione.