Guerriglia urbana, per la cultura. Represse nel sangue in Olanda le proteste contro i tagli

Il Cairo? Tripoli? O magari Atene? No, le crude scene di vera e propria guerriglia urbana che vedete nelle foto e nel video qui sotto, repressa dalla Polizia con la violenza, riguardano la civilissima e molto pacifista Olanda, la capitale L’Aia, in particolare. E riguardano episodi avvenuti nello scorso fine settimana, quando l’evento Mars der […]

Il Cairo? Tripoli? O magari Atene? No, le crude scene di vera e propria guerriglia urbana che vedete nelle foto e nel video qui sotto, repressa dalla Polizia con la violenza, riguardano la civilissima e molto pacifista Olanda, la capitale L’Aia, in particolare. E riguardano episodi avvenuti nello scorso fine settimana, quando l’evento Mars der Beschaving (Marcia per la Cultura) è divenuto occasione per la protesta popolare contro i drastici tagli ai finanziamenti culturali annunciati dal Governo arancione.

Mobilitazioni in numerose città dell’Olanda, culminate in un grande raduno a L’Aja dove migliaia di persone hanno alzato la voce contro i provvedimenti, che mettono a rischio anche il futuro di prestigiose istituzioni artistiche. Ma il clima è presto degenerato, e ad avere la peggio è stato Olof Van Winden, direttore del NiMK (Netherlands Institution for Media Art) di Amsterdam e del Todays Art Festival dell’Aia.

Allarme arancione. Anche dall’Olanda arriva una petizione contro i tagli ad arte e cultura


Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.