E le navi vanno. Riuscirà Olbia a portare i “billionaires” al Museo Archeologico appena (re)inaugurato?

L’aspettativa è che stavolta sia la volta buona. Domanda legittima, se è vero – come è vero! – che il Museo Archeologico di Olbia, nel giro di sette anni, ha visto succedersi ben quattro inaugurazioni. L’ultima il 29 marzo, in occasione del 150° Anniversario dell’Unità d’Italia. Ma tanta attesa pare proprio che fosse meritata: realizzato […]

Una vista notturna del museo

L’aspettativa è che stavolta sia la volta buona. Domanda legittima, se è vero – come è vero! – che il Museo Archeologico di Olbia, nel giro di sette anni, ha visto succedersi ben quattro inaugurazioni. L’ultima il 29 marzo, in occasione del 150° Anniversario dell’Unità d’Italia. Ma tanta attesa pare proprio che fosse meritata: realizzato sull’isolotto di Peddone con progetto di Giovanni Macciocco, il bell’edificio si affaccia sul mare con una vista davvero mozzafiato. Una proposta mica da poco, per i vacanzieri della Costa Smeralda, normalmente distratti da ben altri “patrimoni”…

All’interno un percorso espositivo che parte dall’incursione dei Vandali del 450 d.C. – che portò alla distruzione della città e all’affondamento delle navi in porto -, fino al 1700. Timoni, alberi maestri – di cui uno di dimensioni straordinarie – e il relitto “n. 1” restaurati di tutto punto, che vanno ad aggiungersi ai rinvenimenti dei relitti di ventiquattro navi (2 dell’età di Nerone, 16 del V secolo d.C., 6 d’epoca giudicale), oltre a tanti altri reperti tra cui lucerne, anfore, gioielli, sculture, monete vasi, amuleti. Testimonianze fondamentali che hanno permesso la ricostruzione della vita dell’antico porto e dell’attività commerciale dalla nascita della città.

Roberta Vanali

Museo Archeologico di Olbia
Porto di Olbia, Area Molo Brin
www.olbialive.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Roberta Vanali
Roberta Vanali è critica e curatrice d’arte contemporanea. Ha studiato Lettere Moderne con indirizzo Artistico all’Università di Cagliari. Per undici anni è stata Redattrice Capo per la rivista Exibart e dalla sua fondazione collabora con Artribune, per la quale cura due rubriche: Laboratorio Illustratori e Opera Prima. Per il portale Sardegna Soprattutto cura, invece, la rubrica Studio d’Artista. Orientata alla promozione della giovane arte con una tendenza ultima a sviluppare ambiti come illustrazione e street art, ha scritto oltre 500 articoli e curato circa 150 mostre per gallerie, musei, centri comunali e indipendenti. Tra le ultime: la doppia mostra di Carol Rama in Sardegna, L’illustrazione contemporanea in Sardegna, Archival Print. I fotografi della Magnum. Nel 2006 ha diretto la Galleria Studio 20 a Cagliari. Ha ideato e curato la galleria online Little Room Gallery (2010-13). Ha co-curato le mostre del Museo MACC (2015-17), per il quale nel 2018 è stata curatrice. Ha scritto saggi e testi critici per numerosi cataloghi e pubblicazioni. Il cinema è l’altra sua grande passione.