È il 19 aprile 1987 quando la televisione americana fa la sua conoscenza con quello che sarebbe diventato il cartone animato più amato e longevo mai trasmesso sul piccolo schermo: i Simpson. In quella primissima occasione, la famiglia più pazza d’America è protagonista di un breve corto inserito all’interno della programmazione del Tracey Ullman Show. L’animazione dura poco meno di due minuti, ma basta a mandare in visibilio il pubblico statunitense. Tale fu il successo di quei mini episodi che i Simpson si trasformarono in serie animata il 17 dicembre 1989, debuttando in forma estesa per la Fox Broadcasting Company.

L’ESORDIO DEI SIMPSON IN TV

Ideati e disegnati dal genio di Matt Groening – il fumettista nascosto dietro la galassia di personaggi protagonisti della serie – i Simpson hanno rappresentato per tutti questi anni una straordinaria parodia satirica della società e dello stile di vita a stelle e strisce. Ambientato nella cittadina fittizia di Springfield, il cartone affronta in maniera umoristica aspetti chiave della condizione umana, della cultura statunitense, della famiglia e del ruolo della televisione all’interno della società. Protagonisti sono Homer, il padre pigro e pasticcione figlio della classe media americana; la moglie Marge, e i figli Lisa, Maggie e Bart. Un nucleo arricchito di volta in volta da personaggi secondari, spesso anche eccezionali, come nel caso delle tantissime celebrità presenti nei vari episodi (se ne contano oltre cento tra cantanti, attori, personaggi dello sport e della politica: tra questi Lady Gaga, George Bush, Meryl Streep, Dustin Hoffman, Michael Jackson e Donald Trump).

IL SUCCESSO IN ITALIA

In Italia la serie di Groening andò in onda per la prima volta il 1° ottobre 1991, in seconda serata su Canale 5 con la puntata Bart, il genio. Nel corso di questi trent’anni, i Simpson hanno ottenuto trentadue Emmy e otto People’s Choice Awards, oltre a essere stati nominati per un Golden Globe. Nel 1999 sono stati nominati dal Time “miglior serie televisiva del secolo”, mentre nel 2000 Homer, Marge, Bart, Lisa e Maggie hanno ufficialmente conquistato la loro stella sulla Walk of Fame di Hollywood.

– Alex Urso

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Alex Urso
Artista e curatore. Diplomato in Pittura (Accademia di Belle Arti di Brera). Laureato in Lettere Moderne (Università di Macerata, Università di Bologna). Corsi di perfezionamento in Arts and Heritage Management (Università Bocconi) e Arts and Culture Strategy (Università della Pennsylvania). Tra le istituzioni con cui ha collaborato in questi anni: Zacheta - National Gallery of Art di Varsavia, Istituto Italiano di Cultura di Varsavia, Padiglione Polacco - 16. Mostra Internazionale di Architettura Biennale di Venezia, Fondazione Benetton (catalogo “Imagus Mundi”), Adam Mickiewicz Institute. Nel 2017 è stato curatore della “Biennale de La Biche”. Dal 2014 scrive di arte per Artribune. Sempre per Artribune cura “Fantagraphic”, la rubrica di fumetti del sito. Suoi articoli e testi critici sono apparsi su cataloghi e testate di settore nazionali e internazionali.