Barack Obama è senza dubbio uno dei Presidenti degli Stati Uniti che si è impegnato maggiormente per l’ambiente e per la lotta al cambiamento climatico. Le politiche green largamente promesse nella campagna elettorale del lontano 2008, hanno poi di fatto trovato un posto importante nell’agenda del leader democratico, accompagnandone gli otto anni di mandato. A confermare la sensibilità del Presidente verso i temi dell’ecologismo e della natura sarà presto un nuovo progetto, questa volta lontano dai riflettori della politica: Obama sarà infatti la voce narrante di una nuova serie di documentari in arrivo su Netflix, dal titolo Our Great National Parks.

LA NUOVA SERIE SU NETFLIX

Recentemente annunciata dal colosso dello streaming con un trailer pubblicato sul web, e in arrivo sulla piattaforma il prossimo 13 aprile, la serie è un viaggio alla scoperta delle più importanti riserve naturali del pianeta: da quella della baia di Monterey in California al Tvaso National Park in Kenya, passando per il parco Gunung Leuser nelle foreste pluviali dell’Indonesia. Ognuno di questi splendidi luoghi sarà raccontato dalla voce dell’ex Presidente, che guiderà gli spettatori per cinque episodi, tra specie in estinzione e meraviglie della natura minacciate dall’azione dell’uomo.

SULLE ORME DI DAVID ATTENBOROUGH

Ideata dalla società di produzione cinematografica Higher Ground (fondata proprio da Barack Obama e dalla moglie Michelle), la docuserie si prospetta appassionante, sia per i temi decisamente attuali che tocca, sia per l’alto contenuto visivo delle immagini. Riuscirà il progetto a emulare lo straordinario successo di Blue Planet II, lo spettacolare documentario BBC dedicato alle meraviglie marine con la voce di David Attenborough?

– Alex Urso

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Alex Urso
Artista e curatore. Diplomato in Pittura (Accademia di Belle Arti di Brera). Laureato in Lettere Moderne (Università di Macerata, Università di Bologna). Corsi di perfezionamento in Arts and Heritage Management (Università Bocconi) e Arts and Culture Strategy (Università della Pennsylvania). Tra le istituzioni con cui ha collaborato in questi anni: Zacheta - National Gallery of Art di Varsavia, Istituto Italiano di Cultura di Varsavia, Padiglione Polacco - 16. Mostra Internazionale di Architettura Biennale di Venezia, Fondazione Benetton (catalogo “Imagus Mundi”), Adam Mickiewicz Institute. Nel 2017 è stato curatore della “Biennale de La Biche”. Dal 2014 scrive di arte per Artribune. Sempre per Artribune cura “Fantagraphic”, la rubrica di fumetti del sito. Suoi articoli e testi critici sono apparsi su cataloghi e testate di settore nazionali e internazionali.