Icehotel: l’hotel di ghiaccio disegnato da artisti internazionali

Si trova in Svezia, nel Circolo Polare Artico, e ogni anno meraviglia i visitatori con suite d’arte che celebrano la cultura locale: è l’Icehotel a Jukkasjärvi. Entrate a visitarlo con noi

C’è un hotel fuori dal comune in Svezia. Si chiama Icehotel e nasce dalle fredde acque incontaminate del fiume Torne, quando in inverno il corso del fiume rallenta e si congela. Si tratta di una struttura alberghiera completamente ottenuta dal ghiaccio, dalle mura alle camere, dai mobili ai suppellettili.

LA STORIA DELL’HOTEL DI GHIACCIO

Il primo Icehotel nacque in un freddo giorno del 1989, scolpito a mano dagli enormi blocchi di ghiaccio raccolti dal Torne. Da allora, ogni inverno artisti e appassionati si riuniscono nella cittadina di Jukkasjäarvi per costruire una nuova interpretazione di questa originale struttura ricettiva. Quando arriva la primavera, l’hotel viene lasciato sciogliersi per ritrovare la sua strada verso la natura. Ogni anno gli ospiti possono scoprire una nuova e unica versione dell’Icehotel, tanto che dopo oltre tre decenni è diventato un punto di riferimento imperdibile per chi viaggia alla scoperta dei freddi territori del Circolo Polare Artico.

DENTRO L’ICEHOTEL DOVE TUTTO È GHIACCIO

Le sistemazioni nell’hotel vanno dalle camere di ghiaccio standard alle suite d’arte: tutte sono arredate con mobili e letti fatti di ghiaccio. Le suite d’arte, inoltre, sono stanze progettate in modo unico da artisti provenienti da tutto il mondo. Quella nel video è firmata dal duo di designer Bernadotte & Kylberg: la loro idea è stata quella di incastonare nel ghiaccio più limpido i fiori di mezza estate svedesi più delicati e belli. Un modo poetico per raccontare la bellezza della natura scandinava, dove fiori e ghiaccio sono elementi fondamentali della cultura locale.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Roberta Pisa
Vive a Roma dove si è laureata in Scienze politiche e Relazioni internazionali. Da sempre si occupa di cultura e comunicazione digitale. Dal 2015 è pubblicista e per Artribune segue le attività social.