Forse non tutti sanno che IKEA nasce nel 1943 per opera di Ingvar Kamprad, che a soli 17 anni ha cominciato questa attività vendendo articoli come penne, portafogli e cornici.

Le origini di IKEA

Il nome nasce proprio dall’acronimo delle iniziali del fondatore Ingvar Kamprad e di Elmtaryd e Agunnaryd, la fattoria e il villaggio dove Kamprad crebbe nella zona di Småland, in Svezia. Da allora IKEA ha visto trasformarsi da piccola impresa locale a grande marchio globale dell’home furnishing con oltre 210.000 collaboratori e 456 negozi in 61 mercati del mondo.

Un museo come un’enciclopedia

Per raccontare questa straordinaria e avvincente storia il Museo IKEA di Älmhult, in Svezia, lancia IKEA Museum Digital, una vera e propria enciclopedia digitale che sarà la fonte di informazioni più ampia e aggiornata sul marchio.

SU IKEA Museum Digital è possibile visionare oltre 100 reportage, video e interviste con i protagonisti coinvolti nello sviluppo del colosso. “Raccontiamo molti ‘dietro le quinte’ che finora IKEA non aveva mai svelato pubblicamente. Che siano trionfi, clamorosi errori, avventure pericolose o collassi rivoluzionari, abbiamo cercato sempre di dire le cose come stanno”, spiega Jutta Viheriä, responsabile delle iniziative strategiche del Museo IKEA, “È una straordinaria opportunità per condividere la grande ed emozionante storia di IKEA, sia con i visitatori del Museo IKEA sia con tutte le persone che ancora non hanno avuto modo di recarsi fisicamente a Älmhult a vedere il Museo”.

I contenuti della piattaforma saranno disponibili in inglese e svedese e accessibili online da tutto il mondo, in qualsiasi momento, in linea con l’idea cardine di Kamprad: “Perché i bei prodotti sono accessibili solo a pochi privilegiati? Dev’essere possibile offrire funzionalità e buon design a prezzi bassi”.

https://ikeamuseum.com/en/digital/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Roberta Pisa
Vive a Roma dove si è laureata in Scienze politiche e Relazioni internazionali. Da sempre si occupa di cultura e comunicazione digitale. Dal 2015 è pubblicista e per Artribune segue le attività social.