I wish I was special, but I’m a creep”. Cantavano così nel 1992 i Radiohead, in una canzone rimasta simbolo della band e inno per un’intera generazione di diversi o, se preferite, di sfigati: ragazzi nati in un mondo per la prima volta globalizzato, in cui gli universi si estendevano all’infinito portando gli individui a sentire il contatto con l’esterno in maniera sempre più labile e alienante. “What the hell am I doin’ here? I don’t belong here”. A tradurre in immagini i versi di quel brano è oggi la regista britannica Catherine Prowse, autrice di un nuovo corto animato dedicato al concetto di normalità.

IL CORTO ANIMATO DI CATHERINE PROWSE

Realizzato per il servizio di consulenza per giovani e giovanissimi Childline, il video – dal titolo Nobody is Normal – racconta in poco più di un minuto le emozioni contrastanti di un ragazzino alle prese con il disagio di sentirsi diverso. Il suo volto, infatti, è solo una maschera indossata per sembrare simile ai suoi compagni di scuola. Un camouflage che presto si rivela tale, portando allo scoperto la vera identità del protagonista.
Un filmato rapidissimo e senza parole, capace di racchiudere in pochi fotogrammi una bellissima, irrefutabile, verità: nessuno di noi, in fondo, è davvero normale. E va bene così.

– Alex Urso

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Alex Urso
Artista e curatore. Diplomato in Pittura (Accademia di Belle Arti di Brera). Laureato in Lettere Moderne (Università di Macerata, Università di Bologna). Corsi di perfezionamento in Arts and Heritage Management (Università Bocconi) e Arts and Culture Strategy (Università della Pennsylvania). Tra le istituzioni con cui ha collaborato in questi anni: Zacheta - National Gallery of Art di Varsavia, Istituto Italiano di Cultura di Varsavia, Padiglione Polacco - 16. Mostra Internazionale di Architettura Biennale di Venezia, Fondazione Benetton (catalogo “Imagus Mundi”), Adam Mickiewicz Institute. Nel 2017 è stato curatore della “Biennale de La Biche”. Dal 2014 scrive di arte per Artribune. Sempre per Artribune cura “Fantagraphic”, la rubrica di fumetti del sito. Suoi articoli e testi critici sono apparsi su cataloghi e testate di settore nazionali e internazionali.