Il lavoro di Giulio Iacchetti ha spesso attraversato l’arte e la scultura. Il suo studio è un open space con un’ampia vetrata che si affaccia su un giardino verdissimo. Interno ed esterno dialogano senza soluzione di continuità. Ed è proprio questa paletta di verdi e i colori della vegetazione circostante che hanno ispirato parecchi lavori di Iacchetti.
Il designer racconta come sono nate alcune sue opere modellate dalla natura: “il legno è la materia principale che mi è servita per costruire tutti i miei modelli, dato che è generosa e plasmabile. Le sculture ‘Pitosforo’ sono esili figure che ricordano i bronzetti nuragici e le opere di Giacometti. Le ho realizzate a Fertilia, in Sardegna, dove passo le estati con la mia famiglia. Sono piccoli presepi laici, fragili, che rispondono a una mia vocazione verso la forma e la scultura”.

Giulio Iacchetti, industrial designer, dal 1992 progetta per diversi marchi, tra cui Abet Laminati, Alessi, Artemide, Fontana Arte, Foscarini, Ifi, Magis, Pandora design. È direttore artistico di Danese Milano, Dnd, Moleskine, Myhome e Internoitaliano ‘fabbrica diffusa’ fatta di tanti laboratori artigiani. Premiato nel 2001 con il Compasso d’Oro per il Moscardino, posata multiuso biodegradabile.

– Claudia Zanfi

Dati correlati
AutoreGiulio Iacchetti
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Zanfi
Claudia Zanfi, storica dell’arte e promotrice culturale, si interessa di micro-geografie e culture emergenti. Dirige l’associazione culturale aMAZElab, che ha fondato nel 2000, e MAST – Museo d’Arte Sociale e Territoriale. Collabora con istituzioni nazionali e internazionali e con riviste d’arte su progetti dedicati ad arte, società, paesaggi. Ha firmato testi all’interno di pubblicazioni collettive e monografiche. Dirige il programma internazionale Green Island per la valorizzazione dello spazio pubblico e delle nuove ecologie urbane. Promuove inoltre progetti culturali ed editoriali, prestando particolare attenzione a temi di interesse sociale e geopolitico. Tra gli altri: A Ticket to Bagdad; Transcrossing Memories (Nicosia); Re-Thinking Beirut; Atlante Mediterraneo; Arcipelago Balkani e Going Public, progetto su società e territorio. Tiene conferenze a livello internazionale e lezioni alla Middlesex University di Londra.