Il Nelson-Atkins Museum di Kansas City, chiuso – come accade in gran parte del mondo – per l’emergenza Coronavirus, ha organizzato un tour molto particolare, aprendo le porte a un gruppo di pinguini. Il museo, uno dei maggiori in America, fondato all’inizio del Novecento grazie alle donazioni di William Rockhill Nelson e Mary McAfee Atkins, ospita una vasta collezione che include opere di maestri come Caravaggio, Tiziano, Rubens, Rembrandt, Monet e Van Gogh.
Tre pinguini di specie Humboldt chiamati Bubbles, (cinque anni), Maggie (sette anni) e Berkley (otto anni), provenienti dallo zoo locale, sono stati scelti per fare un giro nelle sale del museo, dopo un’accurata supervisione svolta dagli addetti dell’istituzione per accertarsi delle condizioni di sicurezza, sia per gli animali che per le opere custodite.
Julián Zugazagoitia, direttore del museo, ha raccontato al TIME che si aspettava che i pinguini sarebbero stati attratti dalle opere di Monet, che ricordano l’acqua e la natura, ma sembra invece che si siano soffermati più a lungo davanti ai dipinti di Caravaggio. “Non abbiamo idea di cosa sentano, di cosa gli passi per la mente”, commenta Zugazagoitia, “ma si fermano, guardano, e si meravigliano”.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.