Stream Machine Milano permette agli spettatori di co-creare visioni surreali astratte e infinite andando alla ricerca dell’incanto. È la possibilità di prendere in prestito l’arte dei quadri e delle fotografie per proiettare Milano in un futuro immaginifico con l’occhio digitale della macchina e il gusto estetico di ogni persona”. Così Giacomo Giannella, direttore artistico di Streamcolors, racconta l’opera installata dal suo studio all’aeroporto Malpensa di Milano.
I viaggiatori di passaggio nello scalo milanese potranno interagire con l’installazione fino al prossimo 31 marzo, trasformando in arte astratta, tramite l’utilizzo di un controller con joystick e pulsanti tipico dei videogiochi anni Ottanta, luoghi e temi simbolo della metropoli lombarda.
Su un grande schermo lungo oltre 12 metri prende vita un’installazione interattiva con immagini dal 1744 ai giorni nostri dei luoghi e temi simbolo di Milano: il Duomo, la Galleria Vittorio Emanuele, la Scala, i Navigli, il Castello, i trasporti e lo skyline.
Il progetto Stream Machine Milano fa parte della rassegna NICE TO MEET YOU curata da MEET Centro di Cultura Digitale e promossa da SEA Aeroporti.

Dati correlati
Autore Streamcolors
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.