Caro Basket, sin dal momento in cui ho cominciato ad arrotolare i calzettoni di mio papà
e a immaginare canestri decisivi per la vittoria al Great Western Forum, mi è subito stata chiara una cosa: mi ero innamorato di te
”. Comincia con queste parole il cortometraggio animato Dear Basketball, la toccante dichiarazione d’amore scritta dal gigante buono Kobe Bryant, e diretta da Glen Keane nel 2017.
Basato sulle lettere con cui il giocatore annunciava il suo ritiro dal mondo della pallacanestro – pubblicate il 29 novembre 2015 sulle pagine The Players’ Tribune –, il video ripercorre attraverso il disegno la carriera di questa leggenda dello sport, a partire dai sogni di bambino (figlio dell’ex cestista Joe Bryant) fino agli strepitosi successi con i L.A. Lakers, squadra nella quale militò dal 1996 al 2016.
Una testimonianza per immagini profonda (tanto da vincere il Premio Oscar come miglior corto d’animazione nel 2018), e ancora più commovente oggi, quando nel mondo si stanno diffondendo le notizie sulla tragica scomparsa del campione.

– Alex Urso

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Alex Urso
Artista e curatore. Diplomato in Pittura (Accademia di Belle Arti di Brera). Laureato in Lettere Moderne (Università di Macerata, Università di Bologna). Corsi di perfezionamento in Arts and Heritage Management (Università Bocconi) e Arts and Culture Strategy (Università della Pennsylvania). Tra le istituzioni con cui ha collaborato in questi anni: Zacheta - National Gallery of Art di Varsavia, Istituto Italiano di Cultura di Varsavia, Padiglione Polacco - 16. Mostra Internazionale di Architettura Biennale di Venezia, Fondazione Benetton (catalogo “Imagus Mundi”), Adam Mickiewicz Institute. Nel 2017 è stato curatore della “Biennale de La Biche”. Dal 2014 scrive di arte per Artribune. Sempre per Artribune cura “Fantagraphic”, la rubrica di fumetti del sito. Suoi articoli e testi critici sono apparsi su cataloghi e testate di settore nazionali e internazionali.