Super Walls 2019, Biennale di Street Art interamente outdoor, si è tenuta tra Abano Terme e Padova dal 6 al 16 giugno, lasciando in dono alle due città venti grandi murales. Oltre al valore artistico, l’iniziativa si è contraddistinta per la sua vocazione sostenibile: i 16 artisti invitati – italiani e francesi – hanno utilizzato la tecnologia Airlite, le cui pitture, attivate dalla luce, sono note per la loro capacità di purificare l’aria depurandola dall’88,8% dagli agenti inquinanti. Questi speciali colori neutralizzano anche gli odori, eliminano il 99,9% dei batteri, prevengono le muffe, respingono la polvere e lo sporco e riducono i costi energetici fino al 50%.
Al festival, ideato e curato dal gallerista padovano Carlo Silvestrin e dalla critica d’arte Dominique Stella, hanno partecipato alcuni degli artisti italiani più in vista nel panorama della Street Art internazionale, tra cui Axe, Alessio-b, Gabriele Bonato, Boogie.EAD, Joys, Made514, Orion, Peeta, Psiko, Roulè, Tony Gallo e Yama. È intervenuta, inoltre, la crew de La Crémerie di Rennes formata da Gloar, Fortunes, Mya e Hayku.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.